Tim lancia “La forza delle connessioni”: in onda la campagna con Dolce&Gabbana

Tim, sulle musiche di Ennio Morricone, i protagonisti sono Dolce&Gabbana, che regalano autenticità alla forza delle connessioni

Forse mai come negli ultime due anni si è sentita l’esigenza di connettersi. Connessione tecnologica che accorcia le distanze, connessione veloce e immediata, ma più di tutte, connessione umana. Tim ha recepito la forte esigenza dietro a questo concetto che oggi si è modificato ed ha integrato il suo significato: è con la nuova campagna di comunicazione istituzionale e commerciale del Gruppo, in onda da questa sera, che TIM ci offre uno sguardo rivolto al valore reale delle connessioni. Ad arricchire artisticamente il progetto, la visione del premio oscar Giuseppe Tornatore che alla regia dirige Domenico Dolce e Stefano Gabbana (Dolce&Gabbana), protagonisti della campagna “La forza delle connessioni“, presentata oggi in anteprima.

Accompagnata dalle musiche di Ennio Morricone, sodalizio inestinguibile e prezioso per le opere di Tornatore, il consiglio dato da Pietro Labriola, Amministratore Delegato di TIM, è quello di riservare la visione dello spot isolando prima ogni singolo elemento, le immagini, poi il voice over, poi la musica, per arrivare ad una visione conclusiva completa capace di restituirne la sua bellezza nella complessità della semplicità. Ciò ricalca anche la pianificazione della campagna adottata dal brand che è solo il primo capitolo e sarà on air sulle principali TV nazionali e declinata su stampa, affissioni, web, social e circuito cinema così da giocare sui vari aspetti in gioco e donare il giusto spazio a ciascun elemento che compone lo spot: “La prima volta che lo guardi, non senti il voiceover, vedi le immagini, quello arriva dopo. Poi arriva la musica, perciò declinarlo su diversi mezzi permettere di coglierne tutte le caratteristiche“, aggiunge Labriola.

Il payoff invita a concepire le connessioni come il grande motore che accompagna e amplifica le storie, conduce a percorsi di successo e sostiene le realtà di ogni storia. Fedele Usai, Group Communication & Marketing Officer di Dolce&Gabbana ha affermato: “Il payoff ‘La forza delle connessioni’ era perfetto per il nostro brand. È una storia d’amore e la connessione più forte è proprio l’amore: l’amore tra i due stilisti, l’amore per le cose belle, per l’eccellenza. È un lavoro che nasce dall’orgoglio di essere italiani e di rappresentare l’Italia nel mondo, nasce sull’eccellenza, che racconta una storia vera, si italiana, che però diventa protagonista nel mondo attraverso la forza delle connessioni”.

Pietro Labriola Amministratore Delegato di TIM, racconta di come il Gruppo abbia cercato la giusta strada per riposizionare il brand guardando al futuro e non al passato. “Negli ultimi due anni abbiamo riscoperto il pathos, il sentimento, poiché il Covid ci ha portato a comprendere come le situazioni della vita normale a volte vanno al di là della vita professionale. Ci ha portato a scoprire come al di là di tutto la tecnologia possa essere un elemento abilitante, che supporta il resto”. La ricerca valoriale di Tim per la realizzazione dello spot è stata quella di affiancarsi a un brand che aggiungesse valore, che avesse una storia reale capace di raggiungere l’autenticità ricercata; il processo comunicativo ha riguardato anche la necessità di abbracciare il futuro di una società più inclusiva, che tenga conto di tutti gli universi generazionali e il valore della tecnologia che abilita questi sentimenti, conquistando brand awareness e reputation: ecco “La forza delle connessioni”.

Le aziende sono basate sui soldi ma se ciò che sei e che fai non è basato sull’amore, i soldi non arriveranno mai“. Commenta Domenico Dolce, Dolce&Gabbana: “Questo è uno spot di amore. La connessione non è una novità della tecnologia, è universale ed esiste da sempre. L’idea di questo spot, che due persone lontane si possano inontrare e avere dei progetti insieme, con la possibilità di svilupparli, racconta anche la connessione di essere liberi, di sognare. Se sogni, i sogni rischi di ottenerli. La connessione è semplicemente amore“. Al centro della storia si intrecciano infatti le vite e i progetti di Domenico e Stefano: giovanissimi entrano in connessione, trasformano le loro idee in realtà e realizzano il proprio sogno. Lo spot vuole raccontare il loro percorso partendo dal passato in Sicilia per poi proiettarsi nel futuro digitalizzato.

Il claim della nuova campagna sottolinea l’importanza della connettività che diventa relazione umana e aiuta ad avvicinarsi, a superare le distanze, a trovare forza e motivazione per realizzare progetti sempre più ambiziosi. “E’ un orgoglio per noi che Giuseppe Tornatore, Domenico Dolce e Stefano Gabbana, ambasciatori indiscussi del made in Italy nel mondo, siano al nostro fianco in questo progetto di comunicazione”, afferma in una nota Pietro Labriola, Amministratore Delegato di TIM. “Con questa nuova campagna vogliamo parlare delle connessioni che uniscono le persone, vicine o lontane, uguali o diverse perché la vera connessione è quella che ci fa superare le distanze e le differenze. Il compito di TIM è fare in modo che le connessioni crescano, si sviluppino in base alle tante esigenze e siano sempre sicure”.

Il commento ad Affaritaliani.it di Fedele Usai, Group Communication & Marketing Officer di Dolce&Gabbana

A margine dell’evento, Fedele Usai, Group Communication & Marketing Officer di Dolce&Gabbana, ha commentato: “Il messaggio del film è che alla base di tutte le connessioni tecnologiche ci deve essere una storia d’amore per renderle speciali e magiche. È quasi una debordante semplicità e noi siamo molto orgogliosi di essere protagonisti di uno spot che parla delle connessioni, basata sulla connessione più forte che può esistere al mondo: l’amore tra due persone che realizzano un sogno“.

Leggi anche: 

La sfida Letta-Meloni lascia Draghi a Palazzo Chigi fino al 2028

Lollobrigida: “Il dato è chiaro: Fdi guida del centrodestra, ma sono comunali”

Lega, Fedriga segretario e congresso dopo l’estate? Malessere al Nord

Eni, il taglio delle forniture è senza spiegazioni, si teme un nuovo stop

Tra app e scarpe è guerra di brevetti tra Adidas e Nike: si va in tribunale

Femminicidi e bimbi uccisi, piangiamo sempre dopo ma come prevenire? La proposta di affaritaliani.it

Raoul Bova e la “manina” di Rocio Morales: “Don Matteo” resta a bocca aperta

Alberto Matano, il matrimonio con Mannino lo fa ingrassare

Elodie: dopo il Pride arriva Tribale, il nuovo tormentone dell’estate – VIDEO

Intesa Sanpaolo, a Torino nasce il centro di ricerca in ambito AI

Autogrill e Fondazione Veronesi sostengono la ricerca scientifica

Rino Petino con Number 15 per la gestione della licenza Kangol in South Europe

Iscriviti alla newsletter
Fonte : Affari Italiani