Spagna: Ribeira Sacra, gioiello della biosfera 

Il programma dell’Unesco “Man and the Biosphere” ha  riconosciuto queste incredibili peculiarità ai paesaggi della Ribeira Sacra, regione che concentra, al confine tra le province di Lugo e Ourense, profonde gole fluviali, vigneti arrampicati su erte colline che richiamano una vendemmia eroica, e monasteri romanici nascosti tra le fitte foreste.

Trekking mistico –

Battezzata come Ribeira Sacra e Sierras del Oribio y Courel, questa nuova riserva della biosfera – la settima che l’Unesco riconosce alla comunità galiziana – comprende un totale di oltre 300mila ettari e 23 comuni e propone tre itinerari di trekking attraverso i quali si può godere del ricco  patrimonio nascosto naturale e culturale attraverso i suoi tre boschi più preziosi: il bosco benedettino di Santa Cristina de Ribas de Sil (Parada de Sil), il bosco di Santo Estevo de Ribas de Sil (Nogueira de Ramuín) e il Bidueiral di Montederramo (Montederramo), che ospita uno dei boschi di betulle meglio conservati della Galizia.

I vini Ribeira Sacra –

Attraverso i boschi della Ribeira Sacra si arriva al Canyon del fiume Sil nei suoi ultimi chilometri quando si immette nel grande fiume della Galizia, il Miño. Si possono allora ammirare gli appezzamenti dei vitigni  della zona della Denominazione di Origine Ribeira Sacra!), dove scoprirete come convivono i roveri e i castagni con le querce da sughero e i corbezzoli, molto poco abituali in Galizia.

Catamarani –

A poca distanza salpano i catamarani con le guide che spiegano ai viaggiatori le curiosità di geologia, flora e fauna della zona come per esempio i cinghiali nuotatori in cerca dell’uva dolce che cresce nei vigneti verticali. Alcuni di questi vigneti hanno un’inclinazione di 40 gradi e alcuni sono raggiungibili solo dall’acqua. Visitando alcune delle cantine della zona si può conoscere più da vicino la peculiarità della lavorazione vitivinicola locale, totalmente artigianale. 

Per maggiori informazioni: www.spain.info 
 

Fonte : TgCom