Insta360 One RS Twin Edition, l’action cam modulare

Le action cam sono state confinate per molto tempo nel perimetro delle riprese sportive amatoriali e professionali: sci, surf, moto, bici, e molte altre discipline. Robustezza e versatilità di queste piccole camere hanno infatti permesso di realizzare video altrimenti impossibili con altri strumenti. Tuttavia questa categoria di prodotti si è evoluta negli ultimi tempi diventando un interessare ausilio specialmente per i content creator e la nuova Insta360 One RS incarna perfettamente tale vocazione.

Ovviamente continuano a essere eccellenti strumenti per catturare l’avventura ma ora la cam di Insta360 vuole offrire possibilità creative decisamente più ampie e non è un caso che l’azienda cinese abbia realizzato un prodotto modulare e una speciale edizione (Twin Edition) che include una lente per video in 4K e una per quelli a 360 gradi.

Il design

L’elemento distintivo di questa camera è proprio la modularità che si compone essenzialmente di tre elementi: batteria, ottica, cpu e display. Nonostante queste unità siano da assemblare l’ingombro finale della Insta360 One RS è praticamente analogo a quello della GoPro Hero 10 Black e anche il peso è assimilabile (163 grammi).

Tuttavia per poter utilizzare la camera con qualsiasi accessorio è necessario montare la custodia in dotazione che fa aumentare peso e dimensioni in modo più percepibile. Nel complesso l’usabilità rimane più che buona. Anche materiali e assemblaggio sono di qualità.

Prestazioni 

Il modulo 4K consente di catturare immagini di elevata qualità, soprattutto di giorno mente tende a sgranare leggermente di notte pur offrendo video piuttosto luminosi. La risoluzione massima di 6K è possibile solo in modalità widescreen (6016×2560 a 25fps), mentre in 4K il frame rate arriva fino a 60 fps. I 120 fps raggiunti dalla GoPro in 4K offrono slow motion migliori, ma questo è l’unica differenza di rilievo rispetto alla concorrente americana.

I filmati risultano infatti ben definiti e contrastati e l’utilizzo dell’HDR aumenta ulteriormente la qualità dei contenuti. Ma l’elemento più interessante di questa nuova Insta360 è l’ottimo lavoro svolto dalla stabilizzazione FlowState, che risulta particolarmente efficace anche durante le riprese più dinamiche e che ora beneficia del mantenimento automatico dell’orizzonte anche quando incliniamo la camera. Un salto in avanti importante rispetto al precedente modello.

Anche le foto sono di elevata qualità e si possono scattare a 48 megapixel. Il plus della Insta360 One RS Twin Edition rimane il modulo 360 che aumenta in modo esponenziale le possibilità creative. Fotograie e video sferici sono particolarmente intriganti anche se, oggettivamente, non hanno mai davvero conquistato gli utenti soprattutto per i limiti legati alla modalità di fruizione. Tuttavia la possibilità di catturare contenti a 360 gradi e potere scegliere l’angolatura ideale da inserire in un filmato lineare Full HD è una funzione utile proprio per i content creator.

Anche il software di Insta360 è molto semplice e intuitivo da utilizzare e questo aiuta parecchio a decidere di volta in volta qual è la tipologia di video migliore da realizzare. Meno brillante è la qualità dell’audio che soffre ancora di un suono un po’ compresso anche se è molto utile la possibilità di collegare via bluetooth gli auricolari per ottenere un risultato decisamente migliore. Un po’ limitante è anche la dimensione del display da 1,5 pollici, piuttosto piccolo. Si sente in parte anche la mancanza del display frontale, presente invece sull’ultima GoPro.

In conclusione

La soluzione offerta da Insta360 One RS Twin Edition è, a conti fatti, un buon affare per i creativi digitali che possono ampliare le opzioni creative utilizzando un dispositivo compatto, versatile e dalle buone prestazioni. Ovviamente è necessario accettare qualche compromesso ma con una cifra di 569 euro si hanno a disposizione sia una action cam 4K che una camera a 360, acquistando prodotti separati come la GoPro Hero 10 Black e la GoPro 360 Max, la cifra sarebbe ben diversa.

Voto: 8

Wired: versatilità elevata, buona qualità di foto e video, ottima stabilizzazione

Tired: display piccolo, slow motion in 4K solo a 60 fps, audio migliorabile

Fonte : Wired