Apple: in arrivo nuove funzioni per aiutare le persone con disabilità

Apple ha presentato nuove funzioni software che offrono alle persone con disabilità nuovi modi per orientarsi, comunicare e sfruttare al massimo i prodotti dell’azienda americana.

Grazie a varie innovazioni hardware, software e di intelligenza artificiale, le persone cieche o ipovedenti potranno usare i loro iPhone e iPad per percorrere gli ultimi metri fino a destinazione con Door Detection; chi ha disabilità fisiche o motorie potrà contare su funzioni come Controllo vocale e Controllo interruttori per gestire completamente l’Apple Watch dal proprio iPhone; inoltre persone sorde e con difficoltà uditive potranno seguire i sottotitoli in tempo reale (Live Captions) su iPhone, iPad e Mac.

Queste funzioni saranno disponibili entro la fine dell’anno attraverso aggiornamenti software sulle piattaforme Apple.

Rilevamento Porta per le persone cieche o ipovedenti

Apple sta lanciando Door Detection, una funzione all’avanguardia per aiutare le persone cieche o ipovedenti ad orientarsi. Door Detection può aiutare l’utente a localizzare una porta quando arriva in un luogo nuovo e a capire quanto è distante, descrivendone inoltre le caratteristiche, per esempio se è aperta o chiusa. Se la porta è chiusa, l’utente può sapere se si apre a spinta, girando un pomello o tirando una maniglia. Inoltre può leggere i segni e i simboli intorno alla porta, per esempio il numero di una stanza in un ufficio o un simbolo di ingresso per disabili. Questa nuova funzione unisce la potenza della tecnologia LiDAR, della fotocamera e del machine learning on-device e sarà disponibile su iPhone 13 Pro, iPhone 13 Pro Max, iPhone 12 Pro, iPhone 12 Pro Max, iPad Pro 11″ (seconda e terza generazione) e iPad Pro 12,9″ (quarta e quinta generazione).

Door Detection sarà disponibile nella nuova modalità Detection Mode di Lente di ingrandimento, l’app integrata di Apple per persone cieche o ipovedenti.

Migliorare le funzioni di accessibilità per le disabilità fisiche e motorie su Apple Watch

Apple Watch diventa più accessibile per le persone con disabilità fisiche e motorie grazie alla duplicazione dello schermo, che permette di controllare l’orologio da remoto usando un iPhone abbinato. Con la duplicazione dello schermo, l’utente può controllare l’Apple Watch usando le funzioni per l’accessibilità di iPhone, come Controllo vocale o Controllo interruttori, e usare input come comandi vocali, azioni sonore, rilevamento della testa o interruttori esterni Made for iPhone, invece di toccare il display. 

Grazie alle azioni rapide su Apple Watch, basta pizzicare due volte lo schermo per rispondere a una chiamata o terminarla, ignorare una notifica, scattare una foto, riprodurre o mettere in pausa contenuti multimediali nell’app In riproduzione, e avviare, mettere in pausa o riprendere un allenamento. Le azioni rapide si basano sulla tecnologia usata in AssistiveTouch su Apple Watch, che permette all’utente con disabilità agli arti superiori di controllare l’orologio con gesti come chiudere la mano o pizzicare, senza dover fare tap sul display.

Live Captions arriva su iPhone, iPad e Mac per le persone sorde o con difficoltà uditive

Apple introdurrà Live Captions (sottotitoli automatici) su iPhone, iPad e Mac per le persone sorde o con difficoltà uditive. L’utente potrà seguire più facilmente qualsiasi contenuto audio, non solo quando è al telefono o su FaceTime, ma anche quando utilizza app di video conferenze o social network, guarda contenuti multimediali o parla con la persona accanto. Per semplificare la lettura, è anche possibile regolare le dimensioni del testo.

Su FaceTime, Live Captions associa il dialogo trascritto automaticamente ai diversi partecipanti, così le chiamate di gruppo sono ancora più comode per chi ha difficoltà uditive. E quando viene usata per le chiamate su Mac, si può scegliere di digitare una risposta e di farla leggere ad alta voce in tempo reale per le altre persone che partecipano alla conversazione.

Altre funzioni

– Riconoscimento suoni: questa funzione può essere personalizzata in modo da riconoscere suoni specifici dell’ambiente di una persona, per esempio l’allarme di casa, il campanello o gli elettrodomestici.

– Tocco posteriore su iPhone permette agli utenti di aggiungere una scorciatoia alle funzioni di accessibilità. In questo modo, invece di trovare una funzione in un menù, gli utenti possono richiamarla toccando due volte il retro dell’iPhone.

– Conversation Boost (Personalizzazione dei livelli audio) per AirPods Pro aiuta gli utenti a sentire meglio le conversazioni. Concentrandosi sulla voce della persona che si ha di fronte, gli AirPods Pro rendono più facile distinguere il discorso e seguire le conversazioni faccia a faccia.

– Avvisi sensoriali: questa funzione ti permette di scegliere la modalità di notifica delle chiamate in arrivo, dei nuovi messaggi, delle e-mail e di altri eventi attraverso avvisi audio, vibrazioni o un rapido flash LED.

Roma, Milano e Como: arrivano gli “zainetti” di Apple Mappe

Fonte : Today