Reddito cittadinanza, Renzi: “Io Robin Hood al contrario? Conte è lo Sceriffo di Nottingham”

Reddito di cittadinanza 2022, le ultime novità

24 Maggio 2022

Botta e risposta tra Renzi e Conte sul Reddito di cittadinanza, dopo che il leader di Iv ha annunciato una raccolta firme per eliminarlo: “Conte mi attacca sul reddito di cittadinanza e dice che sono Robin Hood al contrario. Vedendo ciò che ha combinato su mascherine, superbonus e reddito forse io non sono Robin ma Conte è sicuramente lo Sceriffo di Nottingham”, ha detto Renzi.

750 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Reddito di cittadinanza 2022, le ultime novità
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

Il reddito di cittadinanza continua a essere terreno di scontro tra i partiti politici, anche all’interno della maggioranza. Il leader di Italia Viva Matteo Renzi ha lanciato una raccolta firme, con partenza il 15 giugno, con l’obiettivo di abolirlo, scatenando la reazione del presidente del M5s Giuseppe Conte.

Il leader di Italia viva Matteo Renzi ha replicato agli attacchi di Conte, che lo ha criticato per aver annunciato la raccolta di firme per cancellare la misura. “Conte mi attacca sul reddito di cittadinanza e dice che sono Robin Hood al contrario. Vedendo ciò che ha combinato su mascherine, superbonus e reddito forse io non sono Robin ma Conte è sicuramente lo Sceriffo di Nottingham”, ha scritto sul suo profilo Twitter Renzi.

Oggi l’ex premier Conte aveva commentato così l’iniziativa di Renzi contro la misura bandiera del Movimento Cinque Stelle: “Togliere a chi non ha per dare a chi già ha e tanto. Sono dei Robin Hood al contrario. Tanto che alcune settimane fa il partito di Meloni ha lanciato una brillante proposta, togliere reddito e pensioni di cittadinanza agli italiani che non riescono a sopravvivere per investire sulle armi, con occhio molto attento alle lobby di settore”.

Leggi anche

Navigator, i contratti in scadenza a fine aprile prorogati di 4 mesi

“Nella guerra agli ultimi, spicca anche il redivivo Renzi, che non accetta mai di farsi superare, soprattutto negli errori, ha appena annunciato di voler raccogliere le firme per togliere a centinaia di migliaia di famiglie, di giovani precari, anziani e disabili un reddito che gli permette di arrivare a fine mese. Il programma è già pronto – ha detto in tono sarcastico – un giorno sarà ai banchetti per togliere aiuti alle fasce di popolazione in difficoltà economica e un altro in Arabia Saudita per continuare le sue conferenze lautamente retribuite che magnificano il rinascimento democratico, giusto per arrotondare lo stipendio da senatore”.

Secondo gli ultimi dati Inps ad aprile sono stati 1,19 milioni i nuclei familiari a prendere il Reddito di cittadinanza e la Pensione di cittadinanza: di questi 522.461 avevano un solo componente. Andando a guardare i numeri con una lente d’ingrandimento, l’ago della bilancia pende per la prima misura di sostegno con 1,09 milioni di percettori di Rdc contro 103mila di Pdc. In totale, si parla di 2,65 milioni di persone coinvolte: 2,53 milioni per il Reddito di cittadinanza, quasi 118mila per la Pensione di cittadinanza. L’importo importo medio erogato a livello nazionale è di 561 euro (588 euro per il RdC e 270 euro per la PdC), che però – segnala sempre l’Inps – cambia sensibilmente a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare: da un minimo di 458 euro per i nuclei costituiti da una sola persona ad un massimo di 741 euro per le famiglie con cinque componenti. Nello specifico, per gli oltre 392mila nuclei di famiglie dove sono presenti minori, l’importo è di 687 euro, oscillando tra i 589 euro per i nuclei di due persone e i 745 euro per quelli con cinque persone. Passando alle famiglie con disabili a carico – quasi 207mila, con oltre 482mila persone coinvolte – l’importo medio è invece di 492 euro, con un minimo di 379 euro per i nuclei formati da una sola persona fino a 707 euro per quelli di cinque persone.

Ma secondo Renzi la misura è uno spreco di risorse: “Noi siamo al paradosso che un ministro della Lega, il ministro del Turismo Garavaglia, ha proposto un decreto flussi perché non si trovano posti di lavoro. Il reddito di cittadinanza ci costa 21 miliardi che non hanno risolto il problema della povertà”, ha detto a margine di un’iniziativa al Talent Garden di Roma, aggiungendo che “Iv è il partito del lavoro. Non siamo quelli dei sussidi”.

750 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage