Tumori vescica, studio: i vantaggi della chirurgia robotica

La chirurgia robotica rappresenta ormai una realtà diffusa ed affermata nel campo della chirurgia urologica. Un nuovo studio inglese coordinato dall’University College London ha dimostrato che quando applicata per la rimozione e la ricostruzione del cancro alla vescica è correlata a diversi vantaggi clinici rispetto alle tecniche di intervento tradizionali: consente ai pazienti di riprendersi più rapidamente e di ridurre i giorni di ricovero ospedaliero e il rischio di riammissione ospedaliera.

Lo studio nel dettaglio

Cancro della pelle, sono oltre 7 milioni i malati in Ue

Per compiere lo studio, pubblicato sulle pagine della rivista Jama, gli studiosi hanno analizzato le cartelle cliniche di 338 pazienti con cancro della vescica non metastatico. Nello specifico, la metà dei partecipanti è stata sottoposta a cistectomia radicale (rimozione della vescica) assistita da robot con ricostruzione intracorporea, che consiste nel prelievo di una sezione dell’intestino per creare nuova vescica; mentre la restante parte ha subito una cistectomia radicale a cielo aperta. Confrontando il decorso post-operatorio dei pazienti sono emersi benefici della chirurgia robotica sotto molteplici punti di vista. L’utilizzo di robot ha infatti ridotto del 20% i giorni di degenza rispetto alla chirurgia a cielo aperto, e la riammissione in ospedale entro 90 giorni dall’intervento è risultata più bassa (21%) tra i pazienti sottoposti a chirurgia robotica rispetto agli altri (32%).

Altri risultati

Confrontando altri 20 esiti secondari valutati a 90 giorni, 6 mesi e 12 mesi dopo l’intervento, tra cui la prevalenza di coaguli di sangue, le complicanze della ferita, la qualità della vita, la disabilità, la resistenza, i livelli di attività e morbilità, sono inoltre emersi risultati migliori nel caso di chirurgia robotica. Per esempio, tra i pazienti trattati con chirurgia robotica la prevalenza di coaguli di sangue (trombi venosi profondi ed emboli polmonari) era del 77% inferiore rispetto al resto del campione.

Fonte : Sky Tg24