Perché l’Italia potrebbe ospitare l’Eurovision 2023 al posto dell’Ucraina

Eurovision Song Contest 2022

15 Maggio 2022

Dopo la vittoria a Eurovision della Kalush Orchestra si apre il dibattito sulla prossima edizione. Se Kiev non dovesse essere in grado di ospitare l’evento, la possibilità che si riorganizzi in Italia. Ma si sono fatti avanti anche altri paesi.

10 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Eurovision Song Contest 2022
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

La vittoria della Kalush Orchestra a Eurovision 2022 è un segnale politico e di solidarietà molto significativo. Il televoto ha ribaltato, come spesso accade, quanto le giurie dei singoli paesi avevano sentenziato, consegnando la vittoria all’Ucraina con un vantaggio incolmabile rispetto alla seconda classificata Gran Bretagna. A questo punto l’Eurovision, tornato in Italia dopo 31 anni, si sposterà come previsto verso il paese che si è aggiudicato la vittoria, che nel caso specifico significherebbe il ritorno della manifestazione in Ucraina a 6 anni di distanza dall’ultima volta. Il presidente Zelensky ha parlato a pochi minuti dalla vittoria della band ucraina, manifestando l’intenzione diospitare l’evento a Mariupol.

Kiev sarà in grado di ospitare Eurovision?

Tuttavia le attuali circostanze e il conflitto in corso, con l’invasione russa in Ucraina che va avanti da tre mesi, costringono a rinviare la questione al futuro, visto che non è ancora chiaro quale possa essere la situazione in Ucraina da qui a 12 mesi, sia in relazione alla durata di un conflitto che da qui a un anno ci auguriamo possa essersi chiuso, che per quanto riguarda l’effettiva capacità della capitale ucraina di ospitare l’Eurovision il prossimo anno dal punto di vista infrastrutturale.

Italia possibile paese ospitante anche nel 2023

È presto per parlarne, ma qualora dovesse riscontrarsi l’effettiva impossibilità di realizzare la manifestazione in Ucraina nelle necessarie condizioni di sicurezza, si aprirebbe una discussione sul paese chiamato a ospitare l’evento in sostituzione di quello vincitore. L’ipotesi che l’Italia possa ospitare Eurovision 2023 è concreta, come faceva presente poche ore fa in un’intervista a Radio Capital Gabriele Corsi, conduttore e commentatore delle ultime due edizioni di Eurovision. Corsi ha infatti accennato alla concreta possibilità che tocchi proprio all’Italia ospitare ancora una volta l’evento, in una dinamica simile, per quanto differente per casistiche, a quella che si verificò con Rotterdam dopo l’anno del Covid.

Leggi anche

Ucraina, un messaggio di pace in mondovisione val bene il rischio squalifica

Le candidature spontanee di Gran Bretagna e Svezia

La possibilità che l’Ucraina non sia in grado di ospitare Eurovision 2o23 apre tuttavia a scenari alternativi a quello di un bis dell’Italia come paese ospitante. A concorrere per l’organizzazione dell’evento – sempre nel caso di un’impossibilità dell’Ucraina – ci sarebbero anche Gran Bretagna e Svezia, che si sarebbero candidate spontaneamente, ben prima del risultato di classifica di Eurovision 2022, che le vede rispettivamente al secondo e quarto posto. Maggiore chiarezza si avrà nelle prossime ore, quando a pronunciarsi sarà l’organizzazione dell’evento, tracciando certamente un ipotetico percorso e le condizioni essenziali minime affinché Eurovision 2023 possa svolgersi in sicurezza.

10 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage