Digital Markets Act: norme Ue contro big come Google, Meta, Amazon e Microsoft

L’Europa mette un freno ai Re del Web

Dopo mesi di trattative, il Consiglio dell’Ue e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo sul Digital Markets Act normativa mirata a porre fine all’abuso di posizione dominante da parte dei “colossi” digitali.

Gruppi come Google, Apple, Meta (Facebook), Amazon, Microsoft, Booking e TikTok saranno sottoposti a diversi obblighi e divieti, allo scopo di frenare le pratiche lesive della concorrenza. L’elenco delle imprese resta da definire secondo criteri di fatturato, capitalizzazione di mercato e numero di utenti.

Il regolamento dovrebbe entrare in vigore nel gennaio 2023 e costituisce una effettiva novità, dal momento che fornisce gli strumenti affinchè le autorità possano agire rapidamente prima che i comportamenti abusivi abbiano alterato le condizioni di concorrenza. Il Digital Markets Act prevede una lista “nera” con alcune pratiche utilizzate dalle grandi piattaforme che agiscono come “gatekeeper” e consentira’ alla Commissione di condurre indagini di mercato e sanzionare i comportamenti non conformi.

Leggi anche: 

” Quando il “matto” è il vicino di casa: papà “normale” uccide i due figli

Caso Orsini-Cartabianca: “Fu nominato dai governi Pd di Renzi e Gentiloni”

Guerra Russia-Ucraina, Camporini: “Putin è in difficoltà, non ha più riserve”

FdI, La Russa: “Giusto mandare armi ai patrioti ucraini”. Sei d’accordo? Vota

La “gaffe” di Milo Infante, anche i giornalisti hanno un cuore

Dalla Gentili il consigliere di Zelensky: “Vinceremo noi, anche senza la Nato”. VIDEO

Eni, con FAO e NNPC: consegnati 11 impianti idrici in Nigeria

Sicurezza antincendio, imprese e associazioni unite sul tema edilizio

Le imprese estere in Italia e i nuovi paradigmi della competitività”

Fonte : Affari Italiani