Ponte di Ferro, dopo cinque mesi cominciano i lavori per rimuovere la parte crollata

25 Marzo 2022

Partiranno lunedì prossimo i lavori per rimuovere la passerella crollata e ripristinare l’intera zona del Ponte di Ferro, in parte crollato lo scorso ottobre a causa di un incendio.

0 CONDIVISIONI

È previsto per lunedì prossimo, 28 marzo, l’inizio degli interventi sul Ponte dell’Industria, meglio conosciuto come Ponte di Ferro, coordinate dal Dipartimento Tutela ambientale. Le prime operazioni riguardano, come ha fatto sapere con una nota condivisa sulla sua pagina Facebook l’assessora all’Agricotura e all’Ambiente Sabrina Alfonsi, la rimozione della passerella lunga 50 metri, che nel corso dell’incendio dello scorso ottobre è collassata in parte sulla banchina e in parte nell’alveo del Tevere.

Per queste attività, inoltre, è stato richiesto anche l’impiego dei sommozzatori, che avranno il ruolo di ancorare lo spezzone caduto e poi sollevarlo con speciali gru. “A intervento concluso, provvederemo alla bonifica dell’area e poi al ripristino della ciclabile, il cui cantiere è in fase di allestimento”, a terminato l’assessora.

L’intervento arriva 5 mesi dopo l’incendio al Ponte di Ferro

Le operazioni per ripristinare l’intera area del Ponte dell’Industria, tra i quartieri di Ostiense, Portuense e Marconi, prevedono interventi tecnicamente complessi: per poterli approvare è stato necessario attendere le necessarie autorizzazioni della Soprintendenza Speciale di Roma. Si stima, infine, che le attività, realizzate grazie alla collaborazione fra gli assessorati di Ambiente, Lavori Pubblici, l’XI Municipio e le rispettive tecniche, saranno completate nel corso dei prossimi 10 giorni. “Sono già stati avviati gli interventi di ristrutturazione del marciapiede lato mare, attualmente interdetto”, ha spiegato per concludere l’assessora.

Leggi anche

Bologna, Patrick Zaki inaugura l’anno accademico: “Grazie per non avermi mai lasciato solo”

L’incendio del Ponte di Ferro

Il crollo di una parte del Ponte di Ferro è avvenuto lo scorso 2 ottobre verso le ore 23, a causa di un incendio che si sono propagate nella zona circostante. Secondo le prime ipotesi, le fiamme si sarebbero propagate da un fornelletto di una persona senza fissa dimora della zona: in realtà, nel mese di gennaio, è emersa anche la possibilità che alla base del rogo ci sia un’origine dolosa.

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage