Anna Delvey di Inventing Anna vuole conquistare il mondo dell’arte

Chi ha visto Inventing Anna, la miniserie Netflix dedicata a una delle più abili e multiformi truffatrici degli ultimi decenni, sa che Anna Delvey, o meglio Anna Sorokin, è sempre una che cade in qualche modo in piedi. Dopo aver convinto per anni l’élite newyorchese di essere la ricca figlia di un magnate e aver raccolto così milioni di dollari per il suo fantomatico centro per giovani artisti, Delvey ha trascorso quattro anni in un penitenziario di New York e attualmente si trova in uno dei centri di detenzione della Immigration and Customs Enforcements (Ice), l’istituzione americana che si occupa degli immigrati regolari, mentre attende la sentenza che deciderà della sua estradizione in Germania, paese in cui è nata. Questo però non le ha impedito di occuparsi di una delle sue più grandi passioni: l’arte appunto.

Proprio durante la pandemia, dato che a maggior ragione Delvey ha definito la sua prigionia come “una quarantena molto estesa, solo in compagnia di assassini e con la differenza che possiamo ancora farci fare i capelli“, la giovane donna si è dedicata a diversi hobby, tra cui quello della pittura. Ora, in un ulteriore tentativo di monetizzare qualsiasi sua azione, ha trovato anche uno spazio in cui esibire le sue opere d’arte. Dal 17 al 24 marzo scorsi, infatti, si è tenuta una mostra dal titolo Free Anna Delvey, organizzata dagli artisti Julia Morrison e Alfredo Martinez (quest’ultimo noto anch’egli alla giustizia per aver venduto dei falsi Basquiat). La mostra era una collettiva di artisti, riuniti nell’intento di chiedere appunto giustizia per la donna, secondo loro ingiustamente accusata di frode. Ma il cuore dell’esposizione erano sicuramente i quadri di Delvey, che Martinez ha talvolta elaborato, colorato e ingrandito, visto che in prigione i mezzi che mettersi a disegnare sono comunque limitati.

Instagram content

This content can also be viewed on the site it originates from.

Dai video che la stessa Delvey ha caricato su Instagram, la mostra, accompagnata da esibizioni di band live e folla di curiosi, non sembrava esattamente una di quelle prestigiose vernici a cui lei si faceva vanto di partecipare. Nonostante tutto, ora la presunta ereditiera spera di poter debuttare con la sua prima esposizione da solista: “La mostra monografica sarà su invito e si focalizzerà su una clientela di celebrità, in contrasto con questa collettiva più ruspante”, ha fatto sapere Chris Martine, mercante d’arte che si sta occupando della vendita dei suoi quadri. C’è chi dice che valgano già attorno ai 10mila dollari, ma con Anna Delvey qualsiasi affare potrebbe sempre prendere la piega più inaspettata. 

Fonte : Wired