Cosa è la legione internazionale ucraina a cui si è unita l’ex pilota Giulia Schiff

Guerra in Ucraina

23 Marzo 2022

La nascita della legione internazionale di combattenti ha portato decine di migliaia i combattenti stranieri a unirsi all’esercito ucraino nella guerra contro la Russia.

923 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Guerra in Ucraina
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

Pochissimi giorni dopo l’invasione russa dell’Ucraina, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha lanciato un appello al mondo affinché volontari stranieri giungessero nel Paese e si unissero alle forze armate ucraine, annunciando la creazione di una formazione di combattenti stranieri: è la nascita della legione internazionale di combattenti. “Chiunque voglia unirsi alla difesa dell’Ucraina , dell’Europa e del mondo può venire e combattere fianco a fianco con gli ucraini contro i criminali di guerra russi” aveva dichiarato Zelenskyy che poco dopo ha firmato un decreto per velocizzare l’ingresso di questi combattenti, a cui non è richiesto il visto, mentre il ministero degli esteri di Kiev ha lanciato un sito Web che fornisce dettagli su come presentare domanda. Da allora, sempre secondo i dati di Kiev, sono decine di migliaia i combattenti  stranieri che si sono uniti all’esercito ucraino nella guerra contro la Russia.

Combattenti in Ucraina da decine di paesi diversi

Secondo il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, si tratta di combattenti arrivati da decine di paesi diversi e tutti su base volontaria cioè non mercenari ma si è rifiutato di rivelare il nome di tutti i paesi di origine dei volontari spiegando che in alcuni di essi è vietato. Si sa che ci sono militari provenienti da Israele, Danimarca, Regno Unito, Polonia, Olanda e persino Canada. Tra di loro molti di origine ucraina e anche diversi italiani tra cui Giulia Schiff, l’ex allieva pilota di 23 anni dell’accademia dell’Aeronautica militare che però non è tornata a volare, ma si sta occupando di logistica, fanteria e comunicazioni radio. Del resto è illegale per i cittadini italiani arruolarsi come combattenti in forze straniere .

Kiev ha attivato le sue ambasciate per reclutare

Come richiesto da Kiev, per poter aderire alla legione internazionale che combatte in Ucraina serve aver avuto una precedente esperienza militare o comunque saper maneggiare armi e strumenti militari. Come spiega il sito web lanciato dal ministero ucraino, bisogna sapere come maneggiare le armi, saper gestire situazioni ad alto stress, avere una forte volontà e soprattutto essere pronti a partecipare subito. Per farne parte il primo passo è contattare l’ambasciata ucraina nel proprio paese e fare domanda per far parte della Legione internazionale ucraina e da lì dopo un colloquio si viene indirizzati su come fare e su dove presentarsi.

Leggi anche

Boldrini: “No all’invio di armi in Ucraina, è la trappola di Putin. Non si risolverà così la guerra”

Mosca: “Colpiremo gli stranieri in Ucraina”

Chi si vuole impegnare deve sapere  il contratto è per l’intera durata della guerra e i rischi son concreti. Il 7 marzo, le forze armate ucraine hanno rilasciato le prime immagini dei soldati della Legione Internazionale in trincea alla periferia di Kiev e hanno annunciato che nuovi gruppi venivano trasferiti in prima linea. Il 13 marzo, i missili russi hanno colpito la base militare di Yavoriv vicino al confine con la Polonia, uccidendo 35 persone e ferendone 134, secondo funzionari ucraini. Il Ministero della Difesa russo ha affermato che la Russia avrebbe continuato gli attacchi ai combattenti stranieri in Ucraina.

923 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage