La UEFA cambia il calciomercato: le nuove regole

Il 7 aprile potrebbe essere il giorno della rivoluzione del calciomercato in Europa. La prossima riunione del Comitato Esecutivo dovrebbe infatti ratificare le nuove regole che manderebbero in pensione il Fair Play Finanziario, strumento entrato in vigore nel 2009 e che Ceferin vuole far sparire il prima possibile. 

Le nuove regole del calciomercato secondo la UEFA

La rivoluzione sta per arrivare e avrà come modello quello della Liga Spagnola. I club non potranno più fare mercato come prima, verrà infatti introdotto un tetto salariale che non potrà essere sfondato. Secondo le indiscrezioni raccolte dal New York Times le società non potranno elargire stipendi per più del 70% del proprio fatturato. Un modo per evitare gli ingaggi faraonici che si stanno moltiplicando e forse per arginare il fenomeno dei giocatori che lasciano il proprio club facendo scadere i propri contratti, lasciando così i proprietari dei cartellini con un pugno di mosche in mano. 

Il salray cap potrebbe essere introdotto nel giro di tre anni, o meglio le società avrebbero tre anni di tempo per mettersi in regola con le nuove norme e nel prossimo triennio non potrebbero comunque sfondare il muro del 90% del fatturato per gli stipendi. 

La rivoluzione si porterà dietro anche nuove sanzioni per chi non rispetterà le regole e questo sarebbe un bel cambiamento rispetto al Fair Play Finanziario, la UEFA infatti introdurrebbe per chi non rispetta i termini la “retrocessione” da torneo a torneo, quindi si potrebbe scendere in caso di violazione dalla Champions all’Europa League, per esempio.
 

Fonte : Today