Fino a 400 mila euro alle aziende Ue colpite dalle sanzioni alla Russia

Aiuti di Stato fino a 400 mila euro per ogni azienda e sovvenzioni fino a 35 mila euro per le imprese agricole. Questo il contenuto di una proposta che, secondo uno scoop dell’agenzia Reuters, la Commissione europea sarebbe pronta a presentare per contrastare gli effetti economici negativi dell’invasione in Ucraina. Come temuto dai governi nazionali, le sanzioni contro Mosca stanno infatti causando problemi non solo all’economia russa, ma anche alle aziende europee, seppure in maniera nettamente inferiore.

Mentre la Russia si trova infatti a fare i conti con la svalutazione del rublo e con la spada di Damocle del default, alcuni comparti dell’economia europea hanno iniziato a sentire l’impatto dell’isolamento di Mosca in termini di mancate esportazioni (per la manifattura) e mancato flusso di clienti (come per il turismo e la ristorazione). Questo spiegherebbe l’intervento che la Commissione europea, stando alle indiscrezioni riportate dall’agenzia di stampa britannica, sarebbe pronta a mettere sul tavolo. 

Le aziende Ue colpite dalle sanzioni contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina – secondo il testo sintetizzato dalla Reuters – potranno ottenere aiuti di Stato fino a 400 mila euro, mentre le imprese dei settori agricolo, della pesca e dell’acquacoltura potranno ricevere fino a 35 mila euro in sovvenzioni dirette, vantaggi fiscali e garanzie. L’allentamento delle norme sugli aiuti di Stato riguarderanno anche le aziende colpite dagli aumenti delle bollette del gas e dell’elettricità, che potranno ottenere aiuti non superiori al 30% dei costi ammissibili e comunque fino a un massimo di 2 milioni di euro.

Infine, le aziende chi si trovano o si troveranno ad affrontare una crisi di liquidità determinata dal contesto geopolitico della guerra in Ucraina potranno richiedere una garanzia pubblica per i loro prestiti fino al 15% del loro fatturato medio annuo totale negli ultimi tre periodi contabili chiusi o fino al 50% dei costi energetici di un anno. Le imprese colpite da problemi di liquidità potranno anche richiedere prestiti agevolati.

Fonte : Today