Ucraina, il documentario sui fratelli Klitschko: Vitalij è il sindaco pugile di Kiev

Sul sito di ARTE è disponibile il film diretto da Sebastian Dehnhardt nel 2011 che parla di due icone dell’Ucraina. Si tratta dei pugili che oggi combattono per difendere il proprio Paese dall’invasione della Russia. Qui trovate il video con il film integrale

È disponibile sul sito di ARTE il documentario intitolato Klitschko – Due fratelli, due icone d’Ucraina.
Si tratta del film diretto da Sebastian Dehnhardt nel 2011 che parla di due nomi leggendari dell’Ucraina, ossia i fratelli pugili che oggi combattono per difendere il proprio Paese dall’invasione della Russia.

Fino a pochi anni fa Vitali e Wladimir Klitschko erano nomi celebri del ring, dove hanno messo a segno numerose vittorie. Oggi Vitali Klitschko è il sindaco di Kiev, mentre suo fratello Wladimir si è arruolato per difendere la nazione.

Il nuovo documentario di ARTE racconta la loro incredibile storia. Potete guardare il film integrale del video che trovate in fondo a questo articolo.

La storia

Kyiv Calling, band punk ucraina riscrive London Calling dei Clash

Sembra frutto di una sceneggiatura, una favola aggiornata, una parabola contemporanea. Ma invece è tutto vero: Vitali e Wladimir Klitschko sono due fratelli che fino a qualche anno fa facevano i pugili. Non pugili dilettanti ma proprio pugili professionisti, famosi in tutto il mondo nonché considerati tra i più interessanti della loro generazione.

Oggi la loro vita è completamente cambiata, come quella di tutti i loro connazionali.
Vitali Klitschko è il primo cittadino di Kiev, il sindaco, mentre Wladimir è entrato nell’esercito ucraino per difendere il suo Paese.
Vitali è il fratello maggiore e, dopo aver detto addio alla carriera sportiva, ha fatto il proprio ingresso in politica. La sua nomina a sindaco di Kiev non è recente: è dal 2014 che l’ex sportivo ricopre questo ruolo.

Wladimir, fratello minore, si è arruolato e adesso lo sta aiutando a difendere la capitale dall’invasore russo.

Il documentario

Fonte : Sky Tg24