Zelensky alla Knesset: “Mosca vuole la soluzione finale, guerra mira a distruggere il nostro popolo”

Guerra in Ucraina

20 Marzo 2022

Parlando alla Knesset, il Parlamento israeliano, il presidente ucraino Zelensky, ha detto che i russi stanno usando contro l’Ucraina termini come “la soluzione finale”.

714 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Guerra in Ucraina
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

I russi “stanno utilizzando di nuovo queste parole, ‘la soluzione finale’, in relazione a noi, alla nazione ucraina, è stato detto in un incontro a Mosca”. Sono le parole che ha pronunciato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel corso del suo intervento di oggi alla Knesset, il Parlamento israeliano, discorso trasmesso anche in piazza a Tel Aviv. La Russia – ha denunciato il presidente Zelensky – “vuole distruggere tutto ciò he rende ucraini gli ucraini: ecco perché uso il confronto con la vostra storia”, (l’Olocausto). Ha parlato di “parole usate 80 anni fa da Hitler per il popolo ebraico”. L’invasione della Russia “è diretta a distruggere il popolo dell’Ucraina ed è per questo che assomiglia a quello che i nazisti fecero al popolo ebraico durante la Shoah”.

Il presidente ucraino ha esortato Israele a aiutare la resistenza del popolo ucraino contro i russi. Ha parlato di una guerra su vasta scala “mirata alla distruzione del nostro popolo, alla distruzione dei nostri bambini, famiglie, stato, città, culture e tutto ciò che ci rende ucraini”.

“Vogliamo vivere. I nostri vicini vogliono vederci morti”: Zelensky ha citato Golda Meir aprendo il suo discorso. “Ogni persona ebrea conosce queste parole, tutti le conoscono – ha detto – vogliamo vivere, i nostri vicini vogliono vederci morti e non ci danno molto spazio per il compromesso”.

Leggi anche

Guerra in Ucraina, perché l’Italia è nel mirino di Mosca e il ministro Guerini è stato minacciato

Zelensky ha inoltre chiesto che Israele “deve fare una scelta”. “Sono sicuro – le parole di Zelensky – che sentite la nostra pena, ma potete spiegare perché vi stiamo ancora chiedendo aiuto? Quindi ha chiesto perché Israele non abbia ancora fornito armi all’Ucraina e non abbia imposto sanzioni alla Russia. “È una lotta fra il bene e il male e voi sapete da che parte stare”.

Dopo il discorso del presidente ucraino è arrivata una replica da Israele, che “apprezza il Presidente
dell’Ucraina e sostiene il popolo ucraino nel cuore e nei fatti, ma è impossibile riscrivere la terribile storia dell’Olocausto” è quanto scrive su Twitter il ministro israeliano delle comunicazioni, Yoaz Hendel. “Genocidio commesso anche sul suolo ucraino. La guerra è terribile, ma il confronto con gli orrori dell’Olocausto e la soluzione finale è scandaloso”, aggiunge.

714 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage