The Rolling Stones, Keith Richards: “Stiamo lavorando a nuovo materiale, abbiamo idee per otto o nove brani”

«Scusate se vi abbiamo tenuti un po’ in sospeso ma l’attesa è finita» ha scritto Keith Richards a proposito di SIXTY Tour, il tour con cui i Rolling Stones celebrano i 60 anni di carriera della band più rock’n’roll di sempre.

Una storia incredibile iniziata in un appartamento di Chelsea a Londra in cui Keith Richards Mick Jagger, Ian Stewart e Brian Jones vivevano insieme. Un giorno del 1962 (prima che nella band entrassero Bill Wyman al basso e Charlie Watts alla batteria) arriva la telefonata di un giornalista della rivista musicale Jazz News che chiede qual è il nome della band. Brian Jones guarda i vinili buttati sul pavimento della casa, ne vede uno del bluesman Muddy Waters (Rolling Stone/Walkin Blues) e risponde: «The Rolling Stones».

Sessanta anni dopo il primo concerto del 12 luglio 1962 al Marquee Club di Londra della formazione originale sono rimasti solo Mick e Keith, i “Glitter Twins” che hanno segnato la musica e l’immaginario degli anni 60, 70 e 80 con la loro trasgressione, lo spirito ribelle e l’energia instancabile di chi ha dedicato la vita a rappresentare il rock, superando i confini stessi del tempo.

A 78 anni Mick e Keith sono pronti a tornare sul palco per celebrare la loro leggenda insieme a Ron Wood e alla loro strepitosa live band guidata dal tastierista Chuck Leavell e dal bassista Darryl Jones in cui Steve Jordan ha sostituito Charlie Watts. Il tour europeo dei Rolling Stones parte da Madrid il 1 giugno, e poi continua a Monaco, Liverpool, dove non suonano da 50 anni, Amsterdam, Berna, Milano (con una data attesissima a San Siro il 21 giugno), due date ad Hyde Park a Londra, Bruxelles, Vienna, Lione, Parigi, Gelsenkirchen e Stoccolma.

Keith Richards è stato intervistato dal programma televisivo CBS Sunday Morning e ha parlato anche di quello che tutti attendono da anni, ovvero la possibilità di ascoltare nuove canzoni dei Rolling Stones: «Potrebbe essere interessante trovare nuove dinamiche, adesso che Steve Jordan è entrato a far parte della band» ha detto, «Potremo trasformarci in qualcosa di nuovo. Io, lui e Mick abbiamo lavorato insieme la scorsa settimana e abbiamo tirato fuori almeno otto o nove idee per pezzi nuovi, il che è tantissimo per i nostri standard!».

Secondo Keith, che negli ultimi tempi si è esibito anche con la sua band solista, The X-Pensive Winos in un concerto benefico al Beacon Theater di New York, è tutta questione di ispirazione: «A volte è il deserto. Se solo avessi il numero di telefono della musa». Keith Richards ha confermato che i Rolling Stones non hanno alcuna intenzione di fermarsiCome faccio a scegliere un momento? Domani? Il 5 luglio 2025? Non si può, capirò quando sarà arrivato il momento»), e ha anche spiegato che lui e Mick, al contrario di altre leggende del rock come Neil Young o Bob Dylan, non hanno ancora pensato di vendere il loro catalogo: «Non ne abbiamo parlato seriamente, ma non credo proprio che siamo pronti per farlo» ha detto, «A pensarci bene vendere le proprie canzoni è un segnale: vuole dire che sei diventato vecchio».

Fonte : Virgin Radio