Premier di Polonia, Slovenia e Repubblica Ceca a Kiev da Zelensky. Varsavia: “Serve missione Nato”

Guerra in Ucraina

15 Marzo 2022

I primi ministri di Slovenia, Polonia e Repubblica Ceca, Janez Jansa, Mateusz Morawiecki e Petr Fiala, sono volati a Kiev dove hanno incontrato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Presente anche il vice primo ministro polacco Jaroslaw Kaczynski che ha proposto di inviare una missione Nato in Ucraina.

1.645 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Guerra in Ucraina
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

Volodymyr Zelensky, presidente dell’Ucraina, ha incontrato oggi a Kiev i premier di Slovenia, Polonia e Repubblica Ceca. Un video pubblicato sui social mostra i tre primi ministri seduti a un tavolo con il loro omologo ucraino, Denis Shmyhal e lo stesso Zelensky, che racconta loro la situazione nel Paese: “Stanno bombardando ovunque. Non solo Kiev, ma anche le aree occidentali“. Il presidente ha poi scritto in un post sui social: “La vostra visita a Kiev in questo momento difficile per l’Ucraina è una potente testimonianza di sostegno. Lo apprezziamo davvero“.

Dopo l’incontro, in una breve conferenza stampa, Zelensky ha ringraziato ancora una volta i politici europei per il loro coraggio nell’andare a Kiev e, allo stesso tempo, per il sostegno che un gesto di questo tipo dimostra.

Il vicepremier polacco Kaczynski, ha proposto di inviare una missione Nato o una missione più ampia in Ucraina. Lo riferisce Ria Novosti. “Serve una missione di mantenimento della pace, della Nato o con una composizione internazionale ancora più ampia, che operi sul territorio dell’Ucraina” per portare aiuti e pace ma che sia “in grado di difendersi“, avrebbe detto dopo l’incontro con Zelensky. “Una missione che sarà progettata per portare la pace e aiuti umanitari, ma che sarà anche protetta dalle forze appropriate – le forze armate“.

Leggi anche

Si ribalta bus con 22 ucraini sull’autostrada A14, morta una ragazza

I primi ministri di Slovenia, Polonia e Repubblica Ceca, Janez Jansa, Mateusz Morawiecki e Petr Fiala, sono arrivati a Kiev nel tardo pomeriggio. La delegazione, come abbiamo detto, ha compreso anche anche il vice primo ministro polacco Jaroslaw Kaczynski. Hanno viaggiato in treno, da cui hanno condiviso alcune foto che li ritrae a parlare davanti a una cartina geografica. “È qui, nella Kiev dilaniata dalla guerra, che si fa la storia. È qui che la libertà combatte contro il mondo della tirannia. È qui che il futuro di tutti noi è in bilico. L’UE sostiene l’Ucraina, che può contare sull’aiuto dei suoi amici: oggi portiamo questo messaggio a Kiev“. In realtà, i tre leader non avrebbero ricevuto alcun mandato dall’Unione europea. Il premier polacco aveva affermato la visita fosse stata concordata con i vertici dell’Unione e che si trattasse di un’iniziativa in rappresentanza dell’Ue. Ma le cose non starebbero proprio così: sebbene il Consiglio Ue fosse stato informato, non avrebbe affidato alcun incarico, né alcuna delega, ai tre premier.

Appena arrivato a Kiev il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa polacca PAP, ha detto: “Dobbiamo fermare questa tragedia al più presto. Questa guerra è il risultato delle azioni di un tiranno crudele che attacca i civili, bombarda le città e gli ospedali in Ucraina“.

1.645 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage