Un gruppo di anarchici inglesi ha assaltato la villa di un magnate russo a Londra

Guerra in Ucraina

15 Marzo 2022

In Europa si continua ad “attaccare” i simboli del potere di Mosca. L’ultimo caso è quello di un gruppo di attivisti anarchici che ha assaltato la villa londinese dell’oligarca Oleg Deripask.

6 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Guerra in Ucraina
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

Mentre in Ucraina infuria la guerra contro i russi, in Europa si continua a “colpire” i simboli del potere di Mosca. L’ultimo caso è quello di un gruppo di attivisti anarchici che ha assaltato la villa londinese dell’oligarca Oleg Deripaska.

Si fanno chiamare “London Makhnovisti” e come collettivo operano da anni con azioni di disturbo sociale. L’irruzione è avvenuta ieri notte, nell’edificio a Belgrave Square, a ovest di Londra, che vale 50 milioni di sterline (cioè circa 65 milioni di euro). Dopo essere entrati con la forza hanno appeso alle finestre bandiere ucraine e manifesti con slogan come “Questa proprietà è stata liberata” e “Putin vai a farti fottere”. Quindi, quando è accorsa la polizia, hanno urlato che la villa sarebbe stata usata per ricevere i rifugiati dall’Ucraina e che loro sarebbero rimasti lì “fino a quando Putin non finirà la guerra“.

Non c’è stata alcuna effrazione– ha spiegato uno di loro al quotidiano Daily Mail- stiamo usando i nostri diritti umani per la protesta. Siamo qui per protestare contro la proprietà di un oligarca russo e guerrafondaio“. Solo una settimana fa il governo inglese di Boris Johnson ha imposto delle dure sanzioni alla Russia e bloccato l’acquisto di petrolio. Oltre a colpire il Paese le sanzioni sono state dirette anche contro sette oligarchi, tra cui appunto Deripaska. La sua ricchezza è stimata in 2,3 miliardi di sterline e ha un portafoglio immobiliare multimilionario nel Regno Unito, che include la casa al 5 di Belgrave Square.

Leggi anche

La donna incinta e ferita nel bombardamento all’ospedale di Mariupol è morta insieme al piccolo

Dopo sette ore di tentato dialogo prima e scontro con la polizia poi, gli attivisti sono stati portati via dalla casa. Per entrare gli agenti, in tenuta antisommossa, hanno usato un trapano, sfondando la porta d’ingresso. Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha spiegato al programma Tonight With Andrew Marr di LBC che probabilmente i metodi utilizzati dalle forse dell’ordine non sono stati dei migliori. Si è chiesto infatti retoricamente di fronte ai giornalisti se le azioni della polizia contro di loro siano state “proporzionate”. Tuttavia il sindaco ha anche criticato l’azione illegale degli attivisti anarchici perché “hanno deciso di farsi giustizia da soli”.

6 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage