King Richard: Pamela Martin parla delle scene tagliate e del suo lavoro come montatrice

Il film con protagonista un fantastico Will Smith, vincitore dei SAG Awards per King Richard come miglior attore protagonista, sta riscuotendo un notevole successo da parte della critica e del pubblico. La montatrice del film Pamela Martin, candidata agli Oscar 2022, parla dell’importanza e del lavoro della figura del montatore.

“King Richard è così ben scritto, con complicati personaggi della vita reale”, ha raccontato la Martin in una recente intervista con IndieWire. “Era mio dovere attingere a tutto questo e calibrarlo correttamente, ed essere sincera sulla rappresentazione della famiglia Williams”.

La capacità della Martin di calibrare le complesse storie di vita reale del film è qualcosa che sente essere legata alla sua esperienza, sia dentro che fuori la sala di montaggio. “Ci sono alcuni film che ho montato più avanti nella mia carriera che non avrei potuto fare così bene nei miei primi anni perché non avevo abbastanza esperienza di vita“, dice. “Come adulto completamente formato che ha vissuto molto e ha sperimentato molta gioia e dolore, ora provo empatia per alcuni tipi di personaggi imperfetti. Penso che sia estremamente importante, motivo per cui penso che i montatori migliorino con l’età“.

Ci sono innumerevoli modi in cui anche una sceneggiatura eccezionale, come quella di “King Richard”, può essere migliorata da un montatore. “Il primo atto è stato sceneggiato in modo diverso da quello che vediamo. Nella sceneggiatura, il film si apriva su una serie di riprese di Richard che raccoglieva palline da tennis usate da vari club di tennis. Invece, quello che vedete ora nella prima parte del film è Richard che ingaggia allenatori. Questo è stato sceneggiato un po’ più avanti nella pellicola”, spiega.

Il risultato è stato un sottile spostamento dell’attenzione che ha preparato il pubblico ad apprezzare e connettersi con il suo protagonista principale. È uno dei tanti modi con i quali la Martin è stata in grado di plasmare la performance di Smith. “Alcune volte, nella storia generale, può capitare una grande interpretazione, ma decidi di fare un altro passaggio in cui provi a inclinare l’emozione in una direzione diversa per il bene della trama. Penso che ci sia un livello di empatia e sensibilità che devi avere per capire le persone profondamente. Anche questo fa parte del lavoro“.

Come altri artisti, la Martin è rimasta delusa dalla scelta dell’Accademy di non premiare live otto categorie agli Oscar 2022, tra le quali il miglior montaggio. “Spesso il montatore lavora nel film più a lungo di chiunque altro, ad eccezione del regista, dei produttori e dello scrittore”, dice. “Siamo noi a risolvere i problemi: chi fa il film, chi guida il film, chi decide con il regista cosa c’è dentro e cosa c’è fuori. Il montatore fa tutto il lavoro pesante”.

E voi, cosa ne pensate? Nel frattempo, vi lasciamo con la nostra recensione d King Richard.

Fonte : Everyeye