“Una guerra nucleare è tornata nel regno delle possibilità”

La guerra in Ucraina “minaccia tutta l’umanità”, ha dichiarato il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, sottolineando che “la prospettiva di un conflitto nucleare, una volta considerata impensabile, è tornata nel regno delle possibilità. L’impatto sui civili sta raggiungendo proporzioni terrificanti. Qualunque sia l’esito, questa guerra non avrà vincitori, solo vinti”, ha tuonato. “Serve una cessazione immediata delle ostilità e seri negoziati basati sui principi della Carta Onu e del diritto internazionale – ha aggiunto il segretario generale dell’Onu – Gli appelli per la pace devono essere ascoltati, questa tragedia deve finire. Non è mai troppo tardi per la diplomazia e il dialogo”.

Su una possibile no-fly zone Guterres è stato chiaro: è una questione che è stata “analizzata da diversi paesi, che sostengono comporti il rischio di escalation che potrebbe creare un conflitto globale. Bisogna essere prudenti”.

Guerra Russia Ucraina: ultime notizie in diretta

Guterres ha poi evidenziato i risvolti economici del conflitto. “Dobbiamo fare tutto il possibile per scongiurare un tracollo del sistema alimentare globale. Questa guerra va ben oltre l’Ucraina, è anche un assalto alle persone e ai paesi più vulnerabili del mondo e una spada di Damocle che incombe sull’economia globale, soprattutto sul mondo in via di sviluppo. Russia e Ucraina rappresentano più della metà della fornitura mondiale di olio di girasole e circa il 30% del grano mondiale. L’Ucraina da sola fornisce più della metà della fornitura di grano del Pam. I prezzi di cibo, carburante e fertilizzanti sono alle stelle. Le catene di approvvigionamento vengono interrotte – ha detto il segretario generale dell’Onu – Costi e ritardi di trasporto delle merci importate, quando sono disponibili, sono a livelli record”.

Fonte : Today