Nonno pedofilo adescava bimbi all’oratorio e li violentava con amici

14 Marzo 2022

Due giovani hanno raccontato di essere stati vittime di abusi sessuali da parte di un pensionato e di suoi amici ai quali li vendeva.

1 CONDIVISIONI

Presunti adescamenti e abusi sessuali costituiscono il grave quadro accusatorio emerso nei confronti di un pensionato di ottantotto anni, ritenuto presunto responsabile di violenza sessuale su minori tra le zone di San Basilio, Corviale e Marconi. Nei suoi confronti sono ancora in corso le indagini della Procura della Repubblica di Roma. Il Messaggero.it ha raccolto le testimonianze di una delle vittime, due giovani di origini marocchine, che ha raccontato quanto subito all’età di undici anni.

Pensionato abusava di minori

Le violenze si sarebbero consumate a partire dal 2015, mentre le indagini sono partite tra il 2017 e il 2018, quando i due ragazzi si sono confidati con un’assistente sociale e con le proprie famiglie. Secondo quanto spiegato dal giovane l’anziano li aveva adescati conquistando la loro fiducia e convincendoli a seguirlo nella sua abitazione, promettendogli anche gli avrebbe fatto guadagnare dei soldi, se fossero rimasti da soli. In quel frangente si sono consumati gli abusi, che sono poi continuati nel tempo e che sarebbero stati compiuti anche da due amici dell’anziano, al quale egli stesso li aveva venduti per le prestazioni sessuali. “Mi davano 20 euro, li usavo per mangiare” ha raccontato uno dei due ragazzi. Incontri che avvenivano in varie abitazioni e nelle cantine. Tutti e due sarebbero stati inoltre picchiati quando si rifiutavano.

Le indagini

Le indagini sono partite a seguito dei racconti fatti dai due ragazzi sulla spirale di violenze che li aveva portati a risentirne profondamente. Gli agenti della Polizia di Stato con l’autorizzazione della Procura hanno avviato gli accertamenti risalendo ad incontri e spostamenti, fino a ricostruire l’identità del pensionato. I ragazzi sono stati ascoltati con il supporto degli psicologi. Sono ancora in corso le indagini e le verifiche per carcare di incastrare gli altri due uomini, ritenuti anch’essi presunti responsabili degli abusi. Il sospetto è che le giovani vittime delle violenze siano state più di due e che ce ne siano altre che non abbiano denunciato.

1 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage