Anna, la 12enne ucraina che si è ritrovata a combattere contro il cancro sotto le bombe russe

Guerra in Ucraina

13 Marzo 2022

La guerra inUcraina ha messo in pericolo il trattamento di centinaia di giovani pazienti come Anna e si sta cercando di portarli via dal Paese con convogli umanitari.

12 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Guerra in Ucraina
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

Era nel pieno della sua battaglia personale contro il cancro quando le bombe e i missili russi hanno iniziato a cadere sulle città ucraine costringendola a interrompere cure e chemio senza sapere se mai sarebbe potuta tornare in ospedale a curarsi. È la storia della piccola Anna, una 12enne di Kiev con la passione per il ballo che, come tanti altri bimbi e ragazzini ucraini, si è ritrovata da un giorno all’altro senza più cure a causa di ospedali e reparti chiusi e il pericolo di bombardamenti continui da parte dei russi. In suo soccorso e in aiuto di altri bambini come lei fortunatamente si sono mosse numerose associazioni umanitarie che hanno organizzato corridoi umanitari per portarli via dalla capitale ucraina verso le regioni occidentali dell’Ucraina e da lì fuori dal Paese e lontano dalla guerra.

A raccontare la storia a lieto fine della piccola Anna è Olena Zelenska, scrittrice e attivista ucraina, moglie del presidente Zelensky. “Anna ha perso i suoi capelli dorati durante la battaglia contro la leucemia. Era vicina alla vittoria e le rimanevano tre sedute di chemioterapia quando la Russia ha attaccato e invaso l’Ucraina” ha rivelato la first lady ucraina, ricordando che “La guerra ha messo in pericolo il trattamento di centinaia di giovani pazienti come Anna”. “Nonostante l’eroismo dei medici, è molto difficile superare il cancro negli scantinati sotto gli ospedali. E anche in condizioni di mancanza di farmaci” ha aggiunto Olena Zelenska. Per questo si è rivelato fondamentale l’allestimento di un convoglio umanitario che è riuscito a portare Anna più di cento minori come lei bisognosi di cure immediate lontano dal fronte e poi fuori dal Paese.

Convoglio umanitario

“Anna e più di 100 ragazzi di Kiev, Charkiv, Zhytomyr, Cherkasy, Khmelnytsky sono stati evacuati a Leopoli, nel centro medico specializzato per bambini dell’Ucraina occidentale. La scommessa non è stata vana. Nel centro medico non solo accettano piccoli pazienti provenienti da tutto il paese e stabilizzano le loro condizioni, ma li trasferiscono per cure ulteriori all’estero” ha spiegato Olena Zelenska. Il percorso fuori dal Paese per ora porta in Polonia ma da lì i piccoli bisognosi di cure ancora più specifiche andranno in altri paesi europei. Sabato un “convoglio della vita, accompagnato da 12 ambulanze con un’equipe medica ucraino-polacca, ha portato altri 58 giovani pazienti con i loro parenti in una clinica apposita in Polonia. La Polonia è il primo hub di questo corridoio ma per i piccoli si aprono le porte delle migliori cliniche e dei medici d’Europa e del mondo” ha spiegato Olena Zelenska, concludendo: “I Governi di molti paesi, volontari, leader mondiali in oncologia pediatrica della Società Internazionale di Oncologia Pediatrica hanno unito le loro forze. Ci sono molti altri convogli della vita davanti a noi. Le malattie e la guerra si ritireranno e perderanno. Salute, pace e vita vinceranno”.

Leggi anche

Il tennista soldato Stakhovsky lo dice all’Italia: “Non durereste un giorno contro l’esercito russo”

Lunedì anche una equipe dell’ospedale Gaslini di Genova partirà dall’Italia per la Polonia per assistere i bimbi ucraini malati gravi.  Grazie a un’operazione congiunta Regione Liguria-Protezione Civile-Ospedale Gaslini e Croce Rossa italiana, una prima equipe arriverà a Rzeszów, a circa 70 chilometri dal confine con l’Ucraina dove arrivano i i bambini oncologici o affetti da patologie gravi che, scampati alla guerra, non possono più essere curati in Ucraina. Laddove le condizioni lo permetteranno, alcuni di questi saranno trasferiti nell’ospedale pediatrico genovese.

12 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage