The Batman: il modo in cui Matt Reeves ha omaggiato i videogiochi Arkham è stato geniale

The Batman è un grandissimo film sul punto di vista che riplasma da cima a fondo l’immagine e l’immaginario del Cavaliere Oscuro sul grande schermo, traendo però grande ispirazione da alcune delle opere più fondamentali realizzate sul personaggio.

In questo senso, oltre ai vari fumetti che hanno ispirato Matt Reeves nella scrittura della sceneggiatura – come Batman: Anno Uno, Il lungo Halloween e Batman: EgoThe Batman ha reso omaggio anche alla saga di videogiochi Arkham, celebre e celebrato franchise sviluppato dal team di Rocksteady.

Anche quei videogiochi, infatti, ponevano molto l’accento sulle abilità da detective del Cavaliere Oscuro, raccontando allo stesso tempo delle storie totalmente originali ambientate in un proprio universo narrativo creato appositamente. La stessa ambizione che ha spinto Matt Reeves ad accettare l’incarico offertogli dalla Warner Bros., per la quale lo sceneggiatore, regista e produttore svilupperà un franchise – già denominato ‘Batverse’ – incentrato esclusivamente su Gotham City.

A parte queste ispirazioni editoriali, tuttavia, The Batman ha espressamente citato i videogiochi Arkham anche in due aspetti fondamentali del film (e vi avvisiamo del PERICOLO SPOLIER, da qui in avanti): la prima è ovviamente l’armatura di Robert Pattinson, dalla scorza inscalfibile e pesantissima (come sottolineato dal sound design fuori scala del film, che fa sentire ogni singolo passo di ‘Vendetta’); la seconda invece è nella risoluzione dell’atto finale della storia.

Come in una porzione di gioco dei videogame Arkham, infatti, nel finale di The Batman il protagonista è chiamato a risolvere una situazione di ostaggi sconfiggendo uno ad uno gli scagnozzi del ‘boss’ Enigmista: ai fan dei videogiochi le similitudini con le tante sequenze di gameplay dei vari capitoli della saga Arkham non possono di certo essere sfuggite.

Per altre letture vi segnaliamo gli incassi strepitosi di The Batman nel secondo weekend di programmazione: l’annuncio del sequel è dietro l’angolo?

Fonte : Everyeye