Un’altra rimonta incredibile, Nadal svela il suo segreto: “Mi dico è impossibile, ma devo lottare”

13 Marzo 2022

Imbattuto nel 2022, Rafa Nadal è stato sull’orlo della sconfitto nel match nel 1000 di Indian Wells con l’americano Korda, che ha servito due volte per il match.

0 CONDIVISIONI

Rafa Nadal sta vivendo un 2022 incredibile. Ha giocato tre tornei e li ha vinti tutti e tre, ovviamente svetta il successo agli Australian Open, ottenuto in una finale favolosa vinta contro Medvedev dopo oltre 5 ore di gioco. Lo spagnolo ha rischiato di perdere la sua imbattibilità stagione a Indian Wells, torneo che ha vinto spesso. Ma ancora una volta l’ex numero 1 del mondo è riuscito a rimontare in modo incredibile, e dopo la partita in conferenza stampa ha spiegato come ci è riuscito.

Nadal nel 2022 ha vinto un torneo a Melbourne, gli Australian Open e poi si è imposto nel torneo di Acapulco, dove ha battuto di nuovo Medvedev e in Messico non ha perso nemmeno un set. Ora è in campo a Indian Wells, sa che è difficile piazzare il poker stagionale, considerando anche il tabellone che è complicato, ma forse non pensava di faticare così tanto contro Sebastian Korda, giovane talento americano (figlio d’arte).

Nadal vince 6-2 il primo set, ma perde 6-1 il secondo e nel terzo finisce sotto 5-2. Korda vince quattro giochi di fila e va a servire per il match, un po’ trema, ma Rafa alza il livello e si rimette in carreggiata, ma sul 5-4 l’americano serve ancora per il match, altro break, 5-5, poi 6-6 e al tie-break Nadal effettua una rimonta bis, passando dal 2-3 al 7-3. Per Korda la delusione è infinita, Rafa passa ai sedicesimi, in cui dovrà giocare meglio contro l’ostico britannico Daniel Evans.

Leggi anche

Rublev scrive sulla telecamera un messaggio di pace per la sua Russia: “No alla guerra per favore”

Dopo la partita lo spagnolo è stato celebrato, non solo dai suoi tifosi, sui social per l’ennesima partita vinta quando sembrava persa e in conferenza stampa a Nadal è stato chiesto della sua rimonta, prima ha analizzato la fase finale dell’incontro: “Korda ha fatto qualche errore. Credo che sul 5-2 ho iniziato a giocare un po’ più incrociato con il diritto e con un po’ più di calma. Ha commesso degli errori. Sul 5-4 ha sbagliato con il diritto, ma io ho giocato bene di rovescio. Sul 5-5 ha avuto ancora una palla break. Sono stato molto fortunato e ciò detto, devo giocare meglio lunedì”.

Nadal dice chiaramente di essersi sentito a un passo dalla sconfitta e ha spiegato anche qual è il suo tipo di mentalità, anche quando è sotto cerca di lottare e non di farsi trasportare dagli eventi: “Pensavo di perdere, come è stato in Australia. Ma questo non significa che non continuerò a provarci a combattere, tutto qui. Anche se penso di perdere, non cambio mentalità e prima di andare in risposta sul 5-2 ho pensato: ‘Ok, sto giocando male, ma anche se perdessi, cercherò di finire la partita con delle sensazioni migliori.’ Quindi ho bisogno di lottare per trovare questi sentimenti migliori in quell’ultimo game”. 

Ma non è sempre così, Nadal ammette di essere umano e non ogni volta che si trova sotto così nettamente riesce a essere così ottimista: “Tutti pensano che ogni volta che sono sotto ce la farò, non è vero. Non sono così. Non ho questa incredibile sicurezza in me stesso, sul 5-2 non è che mi dico ‘ok, ce la farò’. No. Ma nella mia mente mi dico ‘Va bene, è quasi impossibile. Non voglio arrendermi. Continuerò a provare’, so che è quasi impossibile. Cerchiamo di non aiutarlo a vincere. Cerca solo di andare avanti e di rendergli le cose un po’ più difficili”. 

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage