Aaron Sorkin su J.K. Simmons: “C’era solo un attore che volevo”

Aaron Sorkin è tornato alla regia con Being the Richardos, l’acclamata pellicola con Nicole Kidman e Javier Bardem, entrambi presenti nelle nomination agli Oscar 2022, uscita lo scorso dicembre nelle sale italiane.

Nella pellicola è presente inoltre J.K. Simmons, anche lui nominato agli Oscar nella categoria di miglior attore non protagonista per la sua stupenda interpretazione di William Frawley. Sorkin, regista e sceneggiatore del lungometraggio, ha voluto condividere tutta la sua ammirazione per l’attore a Variety.

Le ultime sette sceneggiature di Sorkin sono incentrate su persone reali, con il regista che ha però rivelato di non scrivere mai un ruolo immaginandosi l’attore che lo interpreterà. “Ma nel caso di William Frawley, c’era un solo attore che volevo. Frawley e J.K. sono la cosa più vicina a cui sono arrivato a scrivere per una parte”.

L’apprezzamento per Simmons è iniziato circa 30 anni fa, quando l’attore ha interpretato il colonnello nello spettacolo teatrale “A Few Good Men”. “Sono andato a vedere J.K. e lui ha fatto saltare le porte del teatro. È stato incredibile”.

Alla domanda riguardante l’importanza dell’esperienza teatrale nel cinema, Sorkin dice: “Non ci sono dubbi. Un attore è un musicista con il suo strumento. Se un attore è degno di un palcoscenico, avrà uno strumento fantastico, come J.K. Per strumento intendo un incredibile controllo sulla propria voce e sul proprio corpo. Adoro ciò che un attore come J.K. porta a un ruolo, io vivo per quello”.

Per voi Simmons riuscirà a portarsi a casa l’Oscar? Nel frattempo, vi lasciamo con la nostra recensione di Being the Richardos.

Fonte : Everyeye