Star Wars, Samuel L Jackson e quella scritta sulla spada laser: ‘Ma non la chiesi io!’

Impossibile pensare a Samuel L. Jackson senza che il pensiero corra all’indimenticabile Jules Winnfield di Pulp Fiction: il personaggio ideato da Quentin Tarantino è ormai un vero e proprio alter-ego dell’attore di Nick Fury, come dimostra un dettaglio della spada laser imbracciata dal nostro in Star Wars.

Sulla spada laser di Mace Windu (che per Samuel L. Jackson è ancora vivo, nonostante la sua eroica fine in Star Wars – Episodio III), infatti, si trova la stessa scritta che era possibile ammirare sul portafoglio di Jules in Pulp Fiction, vale a dire quel “Bad Motherfu**er” ormai legato a doppio filo al personaggio di Jackson.

Una leggenda che l’attore stesso ha confermato, precisando però che si trattò di un’idea della crew, e non di una sua richiesta: “Lo fecero perché mi vogliono bene. Non lo chiesi io. Quando me la diedero, quando le riprese ormai erano finite, quando me la diedero aveva scritto Bad Motherfu**er sul tasto di accensione” ha raccontato un divertito Samuel L. Jackson.

La spada laser di Mace Windu, d’altronde, era già perfettamente riconoscibile: la scritta omaggio a Pulp Fiction non fa che renderla un pezzo ancora più unico! A proposito della trilogia prequel, intanto, ecco perché Leonardo DiCaprio rifiutò il ruolo di Anakin.

Fonte : Everyeye