Bruce Springsteen accende le speranze sul tour: “presto rivedrete la E Street Band sul palco!”. Guarda il video

Poco dopo aver inaugurato la mostra permanente My Hometown: The Bruce Springsteen Story Center nella sua città, Freehold nel New Jersey nella caserma dei pompieri sulla via principale, Main Street, a poca distanza dalla casa in cui è cresciuto al numero 39 e mezzo di Institute Street («Perché la caserma dei pompieri?» ha detto in conferenza stampa con il sindaco di Freehold, «Perché è l’edificio più bello della città, e anche l’unico») Bruce Springsteen ha acceso l’entusiasmo dei suoi fan parlando del ritorno della E Street Band dal vivo: «Speravamo di farlo già quest’anno, ma non mi sentivo sicuro, non volevo mettere a rischio il mio pubblico. Così abbiamo rimandato un po’» ha dichiarato in un’intervista radiofonica «Ora però stiamo lavorando ad un piano per sistemare tutto, quindi presto rivedrete la E Street Band sul palco».

I fan lo aspettano ormai dal 2016, anno del The River Tour in cui ha eseguito (soprattutto negli Stati Uniti) tutti i brani dell’album doppio del 1980. Il tour è partito il 16 gennaio 2016 da Pittsburgh, è passato dall’Italia con due date allo stadio San Siro di Milano il 5 e 6 luglio e una al Circo Massimo di Roma il 16 luglio ed è finito dopo 89 date in Nuova Zelanda al Mount Smart Stadium di Auckland il 25 febbraio 2017.

Da allora, Bruce è stato visto suonare a sorpresa nei locali del New Jersey in cui ha fatto la storia, come lo Stone Pony di Asbury Park o in quelli più piccoli della zona intorno al suo ranch di Colt Neck, ha registrato l’album Western Stars e girato un film suonando le canzoni dal vivo nel granaio della sua proprietà, ha ritrovato la E Street Band con l’album Letter To You registrato nel suo studio in cinque giorniQuattro giorni per l’esattezza» come ha detto Little Steven, «Il quinto lo abbiamo ascoltato»), ma non ha più potuto ritrovare il contatto con il proprio pubblico e la grandezza della sua band nella sua dimensione preferita, dal vivo negli stadi.

Il tour di Letter To You previsto per il 2020 si è dovuto fermare a causa della pandemia, doveva riprendere nel 2022 (a Monaco in Germania sono comparsi addirittura dei poster in giro per la città con una data all’Olympiastadion a fine giugno) ma non è mai arrivata nessuna notizia ufficiale. I fan italiani lo attendono in modo particolare dopo aver visto il momento speciale ripreso dalle telecamere di Thom Zimny nel documentario che racconta la nascita di Letter to You: la E Street Band festeggia con un brindisi la fine delle registrazioni, Bruce e Little Steven dicono «Cinque sere a San Siro», svelando i loro progetti per il tour europeo. Durante il lockdown, Bruce aveva detto «Quando tutto sarà finito faremo la festa più spettacolare che abbiate mai visto, e siete tutti invitati».

In America il Presidente Biden ha detto che è arrivato il momento di «Tornare alla nostra normale routine» e Bruce è pronto per portare la E Street Band di nuovo sul palco. Intanto su twitter c’è stato uno scambio di opinioni tra Little Steven e una persona che ha commentato la notizia scrivendo: “Se solo l’uomo del popolo mettesse in vendita biglietti che le persone normali possono comprare.” Little Steven ha risposto: «Esattamente quello che abbiamo fatto per 45 anni in cui abbiamo venduto i biglietti dei nostri concerti alla metà del prezzo degli altri e suonato sempre il doppio del tempo. Mi sa che ti sei perduto tutto il divertimento, amico»

Fonte : Virgin Radio