Atalanta-Bayer, Gasperini: “Felice per la vittoria. In A penalizzati almeno 5-6 volte”

L’allenatore nerazzurro dopo la vittoria contro i tedeschi: “Aver giocato così è motivo d’orgoglio, ma per la qualificazione è durissima. Se in campionato abbiamo raccolto poco non sempre è stato per colpa nostra, non c’è stato rispetto nei nostri confronti”. E su Malinovskyi-Miranchuk: “La loro amicizia è straordinaria”

ATALANTA-BAYER LEVERKUSEN 3-2, GOL E HIGHLIGHTS

Un’altra notte da Dea d’Europa per l’Atalanta contro il Bayer Leverkusen. “Avrei firmato per un risultato così” ammette Gian Piero Gasperini, soddisfatto per la vittoria nell’andata degli ottavi di finale di Europa League. Il 3-2 finale, firmato da Muriel e Malinovskyi, permetterà ai nerazzurri di avere due risultati utili su tre nel match di ritorno per passare il turno: “In discesa non c’è niente, sarà una qualificazione durissima – spiega l’allenatore dell’Atalanta – Abbiamo visto il loro livello, ma anche la nostra prestazione ci fa ben sperare. Sarà difficile, ma apertissima. Dobbiamo essere contenti di aver vinto questa partita, nonostante ci sia un po’ di rammarico per il risultato”. Si perché l’Atalanta poteva chiudere il match anche con un passivo più ampio. Nonostante ciò, per Gasperini il bicchiere è totalmente pieno: “Abbiamo fatto una bellissima partita contro un avversario forte, veloce e difficile da affrontare. Aver giocato così è un orgoglio per noi“.

“Raccolto poco non sempre per colpa nostra” 

La vittoria contro il Bayer Leverkusen arriva dopo un periodo difficile per l’Atalanta. Se in Europa i nerazzurri hanno confermato un ottimo rendimento, in campionato c’è stata qualche difficoltà in più. Secondo Gasperini le colpe non sono solo della squadra: “Abbiamo fatto qualche partita sottotono come succede a tutti, ma quasi sempre con questa mentalità. Però se non abbiamo raccolto quello che meritavamo non sempre è stato per colpa nostra. Mi riferisco a tutte le situazioni create in campo nelle ultime gare, gol tolti gol messi, rigori tolti rigori messi. Abbiamo incontrato anche un calendario durissimo, c’è stato anche il Covid e con un attacco spuntato. Nei nostri confronti non c’è stato lo stesso rispetto, alcune cose sono state clamorosamente cancellate. Dobbiamo reagire con le nostre capacità, quello che è stato fatto all’Atalanta è pesantissimo“.

“Mai avuto dubbi sul valore di Muriel. Su Hateboer…”

La sfida contro il Bayer ha segnato il ritorno al gol di Muriel due mesi dopo l’ultima volta con una doppietta decisiva: “Purtroppo ha avuto qualche infortunio – spiega Gasperini – ci mette un po’ di più a recuperare la condizione, ma non abbiamo mai avuto nessun dubbio sul suo valore. È stato straordinario”. L’allenatore ha speso parole d’elogio anche nei confronti di Hateboer: “Purtroppo ha avuto un infortunio al metatarso ed è stato fuori dieci mesi. È qui da tanti anni, difficilmente tiriamo giudizi su qualche partita andata male. Anche lui non riesce a concretizzare, ma crea davvero molto”.

“Straordinaria l’amicizia tra Malinovskyi e Miranchuk”

Gasperini, infine, si è soffermato sulla guerra in Ucraina. “Personalmente mi ha scosso più del Covid” ha detto l’allenatore che ha parlato del momento che stanno vivendo Malinovskyi e Miranchuk a causa del conflitto: “È commovente quello che fa Ruslan, quello che vive e quello che sta facendo. Noi siamo vicini anche a Miranchuk, è straordinaria l’amicizia che hanno. Lui è quasi imbarazzato per questa situazione e merita altrettanto rispetto perché contano le persone rispetto alle bandiere che rappresentano”.

Fonte : Sky Sport