Lago di Castel Gandolfo, giovane morso da un cinghiale: un anno fa l’attacco ad un bambino

Ancora un attacco sulle sponde del lago Albano, nel comune di Castel Gandolfo. A farne le spese, nella giornata di sabato 5 marzo, è stato un trentenne, poi soccorso con il 118.

Una brutta sorpresa

La vittima era appena rientrata con un amico da una battuta di pesca, a bordo di una canoa. Il cinghiale li ha colti di sorpresa mentre stavano mangiando un panino, in via dei Pescatori. Solo uno dei due è stato raggiunto dai denti dell’ungulato. L’altro è invece riuscito a chiamare i soccorsi. Il trentenne è stato portato presso l’ospedale dei Castelli romani.

Il precedente

Non è il primo attacco che si verifica al lago di Albano. E’ infatti trascorso poco più di un anno dall’aggressione subita da un bambino che stava pedalando vicino allo specchio d’acqua. Anche in quel caso l’animale, una femmina, si era spinto a mordere il malcapitato. Probabilmente per difendere la cucciolata che, l’ente parco dei Castelli romani, ha successivamente verificato essere presente nella zona.

I consigli dell’ente parco

Proprio per evitare il ripetersi di fenomeni come quello di cui  è stato vittima il bambino di 11 anni, l’ente parco dei Castelli romani aveva sistemato delle transenne e, soprattutto, predisposto un utile vademecum. Tra i suggerimenti quello di non mettersi mai a correre, perché i cinghiali sono più veloci di noi. Piuttosto, per allontanarli, si consiglia di fare rumore.
 

Fonte : Roma Today