Covid, Agenas: resta al 14% occupazione reparti, un anno fa era al 33%

In Italia, nonostante vi siano valori in crescita in diverse Regioni, è stabile al 14% la percentuale di posti letto in area non critica occupata da pazienti Covid-19, valore che esattamente un anno fa era a quota 33%. Risulta stabile a livello nazionale, al 6%, anche l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva da parte di pazienti Covid-19, a fronte del 29% che si registrava un anno fa. Lo indicano i dati dell’ultimo bollettino di Agenas, l’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, aggiornati al 7 marzo e confrontati con quelli del 7 marzo 2021. (COVID: LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA – VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE)

Occupazione reparti in rialzo in 9 Regioni

Covid in Italia e nel mondo: le notizie di oggi 8 marzo. DIRETTA

Nello specifico, a livello giornaliero la percentuale di posti occupati da pazienti Covid nei reparti di area medica è in calo solo nella Pa di Bolzano (tornando all’1%); mentre torna a crescere in 9 Regioni: Calabria (al 25%), Friuli Venezia Giulia (13%), Lazio (18%), Liguria (15%), Marche (17%), Pa Trento (11%), Sicilia (24%), Umbria (21%), Valle d’Aosta (9%). Il dato risulta, invece, stabile in 11 Regioni: Abruzzo (al 21%), Basilicata (23%), Campania (14%), Emilia Romagna (13%), Lombardia (8%), Molise (15%), Piemonte (10%), Puglia (19%) Sardegna (20%), Toscana (14%) e Veneto (8%).

Occupazione terapie intensive in calo in 4 Regioni

Per quanto riguarda, invece, la percentuale di posti letto in terapia intensiva occupati da pazienti con Covid, il dato è in rialzo a livello giornaliero in 4 Regioni, Basilicata (al 3%), Piemonte (6%), Sicilia (8%) Toscana (9%), e in calo in Calabria (7%), Liguria (7%), Friuli Venezia Giulia (5%) e Pa Bolzano (1%). Il tasso di occupazione delle intensive è, invece, stabile in 13: Abruzzo (al 7%), Campania (5%),Emilia Romagna (8%), Lazio (10%), Lombardia (5%), Marche (7%), Molise (5%), Pa Trento (3%), Puglia (6%), Sardegna (13%), Umbria (6%), Valle d’Aosta (6%) e Veneto (4%).

Fonte : Sky Tg24