Rai, Draghi firma decreto per le torri. L’azionariato in Rai Way sotto il 51%

Rai sotto il 51% in Rai Way. Anzaldi (Iv): “Una decisione grave”

Per la Rai è in arrivo una svolta storica. Il presidente del Consiglio Mario Draghi avrebbe firmato – secondo fonti di Palazzo Chigi – un decreto che permetterà alla tv di Stato di scendere sotto il 51% dell’azionariato di Rai Way. Il provvedimento serve a superare un’analoga misura disposta dal governo Renzi nel 2014 che impediva alla Rai di scendere sotto la maggioranza assoluta del suo azionariato nella società che gestisce le antenne tv. Immediata la reazione della politica.

“Perdere il controllo delle torri di Rai Way – spiega Maurizio Gasparri di Forza Italia – sarebbe veramente una sciocchezza da parte del servizio pubblico radiotelevisivo. Chiedo un confronto immediato in commissione parlamentare di Vigilanza su questa vicenda”. la stessa indignazione arriva anche da Italia Viva. “Saremmo di fronte ad un provvedimento grave, – dice Michele Anzaldi, segretario della Commissione Vigilanza Rai – senza alcuna trasparenza e senza che sia stato detto a cosa debbano servire questi soldi in più che arrivano nelle tasche della Rai“. Perché entri in vigore, il decreto deve prima essere registrato dalla Corte dei conti.

Leggi anche: 

L’amante di Putin, Alina Kabaeva, lascia la Russia e scappa in Svizzera – FOTO

Ucraina: per fermare Putin, conta più il brand activism della politica

“Salvini dai profughi? E’ in difficoltà, ora coerenza e sì allo Ius scholae”

Festa della donna e 8 marzo, nelle zone di guerra non c’è niente da celebrare

Comscore Top 100 Brand Informazione Online: boom di Affari Italiani col +27%

Quando Zelensky faceva il ballerino “fluido”

Nice, Jean-Philippe Demaël nominato nuovo Chairman del Cda

Banca Generali, a febbraio la raccolta netta totale a €496 mln

Fondazione FS Italiane: saranno riattivate le linee storiche ad uso turistico

Fonte : Affari Italiani