Appassionato di sport e volontariato: chi era Davide Giri, l’ingegnere italiano accoltellato a New York

3 Dicembre 2021

Appassionato di sport, viaggi e volontariato, Davide Giri viveva a New York dal 2016. Lo studente italiano della Columbia University è stato ucciso a New York nella serata di ieri dal 25enne Vincent Pinkney. Il padre Renato, professore di matematica al liceo di Alba, ha appreso la notizia mentre faceva lezione.

0 CONDIVISIONI

Ucciso con una coltellata all’addome mentre percorreva le strade di New York. Davide Giri aveva 30 anni e viveva nella città americana dal 2016 dove studiava la filosofia applicata alla scienza e alla tecnologia. Ancora non è chiaro quale sia stato il movente dell’aggressione: gli inquirenti ipotizzano che il 25enne arrestato a Central Park per l’omicidio volesse rapinarlo. Vincent Pinkney, membro della gang Everybody Killas (Evk) era già stato arrestato per furto e rapina: dal 2011 era stato fermato dalle forze di polizia ben 11 volte per reati simili. Al momento del fermo, subito dopo l’omicidio dello studente della Columbia University, il 25enne stava minacciando un’altra persona con un coltello.

Davide viveva dal 2016 a New York ma da quando aveva preso la laurea con il massimo dei voti al Politecnico di Torino non si era mai fermato. Prima una specialistica a Shangai, poi un nuovo master al Policlinico e uno a Chicago. Alla fine Davide aveva deciso di stabilirsi a Manhattan dove svolgeva anche l’attività di assistente dei docenti universitari. Davide era originario di Alba, in provincia di Cuneo, ed era noto nella sua città per il volontariato compiuto con la parrocchia Santa Margherita a Mussotto. Il padre Renato Giri è stato tra i fondatori della lista civica Alba Città per vivere meglio ed è docente di matematica presso il Liceo Classico. L’uomo ha appreso la notizia della morte del figlio mentre stava facendo lezione in classe. La madre Giuseppina è molto impegnata nel sociale, proprio come Davide. La coppia ha anche altri due figli: Caterina e Michele.

Al momento dell’aggressione, il ragazzo stava tornando da una partita con la squadra di calcio, la Ny International FC. Il 30enne era appassionato anche di sport e non aveva mai smesso di praticarlo anche quando si era trasferito a New York. Sulle sue pagine social pubblicava le foto dei suoi viaggi. “Davide Giri è stato uno studente brillante del nostro Politecnico – ha dichiarato Guido Saracco, rettore del Politecnico di Torino presso il quale aveva studiato il 30enne -. Come molti dei nostri migliori lavorati, aveva scelto di continuare a studiare all’estero in una prestigiosa università come la Columbia University. Siamo costernati per la tragica morte dell’ex allievo. Siamo vicini alla sua famiglia e ai compagni di studi che lo hanno conosciuto nelle nostre aule”.

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage