Chi è Giulia Talia, la prima concorrente di Miss Italia dichiaratamente gay

La ragazza, 24 anni, è stata incoronata Miss Cinema Roma 2020 ed è ora la prima aspirante finalista del famoso concorso di bellezza nostrano a essere dichiaratamente lesbica. “Convivo da tre anni con Barbara, l’ho presentata ai miei. Non sono spaventata per i possibili attacchi, non vedo l’ora”, ha raccontato. “Voglio accendere un faro su questo tema”

Giulia Talia è la prima concorrente di Miss Italia a essere dichiaratamente omosessuale.

Ci sono voluti ben 75 anni per annunciare questa notizia, il che lascia a bocca aperta ma comunque ci offre un nuovo sguardo – pieno di speranza – sul futuro.

Il celebre concorso di bellezza la cui prima edizione è datata 1946 ha dovuto aspettare così tanto tempo per avere tra le sue aspiranti reginette una donna dichiaratamente gay: 75 anni, appunto, che diventano però 82 se si prende in considerazione la data di fondazione del 1939.

Meglio tardi che mai: finalmente una ragazza di 24 anni, Giulia Talia appunto, arriva a rivoluzionare il concorso, a svecchiare le cose e a cambiare le carte in tavola.

Giulia Talia è stata incoronata Miss Cinema Roma 2020 e adesso concorre per ottenere la corona e lo scettro del concorso estetico più famoso della penisola.

“Convivo da tre anni con Barbara, l’ho presentata ai miei. Non sono spaventata per i possibili attacchi, non vedo l’ora”, ha dichiarato al Corriere della Sera durante una recente intervista.

Le auguriamo di non ricevere gli attacchi social che purtroppo ha dovuto affrontare Erika Mattina, la finalista di Miss Mondo Italia che è stata disgustosamente minacciata per via del suo orientamento sessuale. “Mi aspetto più o meno le stesse cose. Alcuni insulti erano stati scritti da persone che potevano essere sua madre. Non credo sarebbero felici se le stesse cose le dicessero alle figlie”, ha aggiunto Giulia Talia, che si dice pronta ad affrontare qualsiasi cosa pur di aiutare a sensibilizzare l’opinione pubblica. E, prima ancora dell’opinione, il cuore: possibile che nel 2021, quasi 2022, si stia discutendo ancora di queste cose? 

“Voglio accendere un faro su questo tema”, ha aggiunto Miss Cinema Roma 2020, autoproclamandosi una voce che si batterà per i diritti della comunità LGTB+ e che finalmente spianerà la strada a tante persone dopo di lei.

Giulia Talia è romana, non ha ancora un quarto di secolo (24 anni) ed è entrata alle prefinali di Miss Italia di diritto, dopo essere stata incoronata Miss Cinema Roma 2020.

La promessa alla nonna, scomparsa a causa del Covid

Eternals, Angelina Jolie su chi non approva il bacio gay: “Ignoranti”

Al Corriere si è raccontata, rivelando di non aver mai avuto come sogno nel cassetto quello di partecipare a Miss Italia.
La svolta è stata la vittoria di Miriam Leone e le parole che sua nonna Sandra le disse in quel momento, quando lei aveva soltanto 10 anni.

“Mia nonna disse: un giorno ci andrai anche tu”, spiega Giulia Talia con grande emozione. La voce probabilmente era rotta quando all’intervistatore ha raccontato che sua nonna è scomparsa a causa del Covid pochi mesi fa e lei, la nipote, ora vuole mantenere quella promessa.

Il destino di questa ragazza al concorso di bellezza sarà rivelato il 30 novembre, la data in cui sapremo se Giulia è entrata o meno nella rosa delle 20 finaliste del concorso principale.

Oltre al concorso principale, quest’anno ci sarà anche quello per Miss Italia Social, con 10 concorrenti finaliste che si sfideranno per ottenere questa incoronazione 2.0.

L’omosessualità

Daniel Craig preferisce i bar gay, per evitare uomini etero aggressivi

Giulia Talia ha raccontato di aver realizzato quale fosse il proprio orientamento sessuale ai tempi dell’università.
Parlando della sua compagna, con cui vive da quasi tre anni, ha detto: “Ci siamo conosciute in un locale con amici, un mese dopo eravamo a Santorini per un weekend e sette mesi dopo convivevamo”.

Benché abbia focalizzato quale fosse il suo orientamento in età matura, ossia negli anni dell’università, ha rivelato in occasione dell’intervista al Corriere ciò che spesso sostiene chi appartiene alla comunità LGTB+.

“Penso di aver avuto questa consapevolezza da sempre, ma era relegata in un angolino. Sono stata fidanzata a lungo con Andrea, che ha conosciuto i miei genitori. Poi al primo anno di università mi sono accorta che gli sguardi delle ragazze mi emozionavano come quelli dei maschi, se non di più. E allora mi sono lasciata andare”.

Una persona dai mille talenti

Una donna che si è sempre data molto da fare e che non ama starsene con le mani in mano, come la sua agenda fitta di appuntamenti, scadenze e incombenze rivela.

Il coming out

“Avevo paura di essere giudicata. Poi ho capito che siamo tutti diversi e che ci sarà sempre qualcuno per il quale non vai bene. Tanto vale vivere la propria vita come si vuole. A un certo punto ho desiderato presentare Barbara ai miei. Mia sorella Chiara, quattro anni meno di me, è stata la prima a cui l’ho confessato. Mia madre mi ha detto che lo sapeva già”.

Assieme alla compagna sta parlando di matrimonio, discutendo di progetti futuri tra cui quello di avere figli.

“Fantastichiamo sul matrimonio: io vorrei celebrarlo in una villa, lei al mare. Vedremo. Ci piacerebbe avere dei figli, al come penseremo quando sarà il momento”, ha raccontato al Corriere.

Fonte : Sky Tg24