Australia fissa obiettivo zero emissioni entro il 2050, critiche a piano “vago”

L’Australia, secondo esportatore al mondo di carbone e considerato tra i Paesi più inquinanti, ha fissato il suo obiettivo di “zero carbone” al 2050. L’annuncio del governo ha sollevato critiche verso Canberra sia per la scadenza, ritenuta molto ritardata, che per l’aver evitato di prefiggersi target a breve termine. Missione, invece, perseguita dal summit Onu sul clima, Cop26 (LO SPECIALE) che si aprirà domenica a Glasgow. Il governo australiano si è impegnato a raggiungere emissioni zero entro il 2050, senza però fissare obiettivi di riduzione delle emissioni inquinanti entro il 2030, né mettere in discussione l’uso dei combustibili fossili, fondamentali per la sua economia, export compreso.

Le promesse 

“Gli australiani vogliono un piano per il 2050 sulle emissioni nette neutre che sia corretto sui cambiamenti climatici e garantisca il loro futuro in un mondo che cambia. Vogliono anche un piano che sia equo e pratico”, ha affermato il primo ministro Scott Morrison, in un articolo pubblicato sui giornali nazionali. Il capo del governo ha spiegato che la neutralità carbonica sarà raggiunta attraverso investimenti in tecnologie a basso consumo energetico come l’idrogeno e il solare a basso costo, sostenendo nel contempo le industrie pesanti come quelle minerarie per rimanere competitivi.

L’uso della tecnologia

 “Abbiamo un piano. Lo faremo nel modo australiano, attraverso la tecnologia e non (attraverso) le tasse”, ha affermato il premier conservatore, che negli ultimi otto anni ha regolarmente resistito alle iniziative per ridurre le emissioni, approvando regolarmente nuovi progetti basati sul carbone e diffondendo scetticismo sui cambiamenti climatici. Sotto pressione interna e internazionale, Morrison ha annunciato così un cambiamento di approccio e ha riconosciuto che “il mondo sta cambiando”. La riluttanza dell’Australia ad agire è stata criticata da stretti alleati come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, così come i vicini delle isole del Pacifico che sono altamente vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici.

Fonte : Sky Tg24