Ant-Man and the Wasp, Peyton Reed ricorda il ‘mal di testa’ sul set: ecco perché

A tredici anni dall’inizio del Marvel Cinematic Universe con il primo film, Iron Man, il franchise sta per aggiungere alla collezione il lungometraggio numero 26. Si tratta di un universo sempre più esteso e che condivide in molteplici film gli stessi personaggi. Un problema che ha creato qualche grattacapo a Peyton Reed.

Il regista di Ant-Man and the Wasp ha raccontato che la lavorazione del film gli ha procurato un bel mal di testa, perché coincise con le produzioni di Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame.

Nel nuovo libro The Story of Marvel Studios: The Making of the Marvel Cinematic Universe, Peyton Reed ha “lamentato” l’altalenante presenza di Paul Rudd – scoprite il nostro incontro con il protagonista di Ant-Man 2 – sul set. Il motivo era che Scott Lang era presente anche nelle altre produzioni.

“Stavamo girando il nostro film, in cui Paul è il personaggio principale, è Ant-Man. Ma i film degli Avengers hanno richiesto mesi di lavorazione quindi sono stati in grado di circondarci [con i tempi di ripresa]” ha dichiarato Reed. Il problema era dettato soprattutto dalla perdita di alcuni attori per qualche tempo perché impegnati sugli altri set Marvel.

“Non abbiamo saputo per molto tempo come l’avremmo affrontata perché Infinity War è la più grande svolta drammatica dell’MCU. […]” ha ricordato il regista, spiegando come la situazione fosse piuttosto complicata ma sottolineando che si è potuti in seguito arrivare ad una gestione ordinata e non confusa del programma.

Su Everyeye trovate la recensione di Ant-Man and the Wasp.

Fonte : Everyeye