In Italia non preoccupa il leggero aumento dei casi di Covid

AGI – La situazione pandemica in Italia sembra stabile, anche se negli ultimi giorni c’è un leggero aumento dei casi. Il presidnete della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, fa un’analisti speigando che si sta fecndo “un tracciamento importante e stiamo vedendo che il tasso di positività dei tamponi antigenici rapidi rimane costante, mentre quello dei molecolari negli ultimi giorni è leggermente aumentato. Sembrerebbe che ci sia qualche movimento nell’aumento dei casi che al momento non rappresenta nulla di preoccupante, ma va tenuto sotto controllo”. 

Secondo il presidente, “C’è una fetta di lavoratori che non intendono vaccinarsi che hanno fatto tanti tamponi, adesso questo numero si è un po’ stabilizzato. Ogni non vaccinato fa il tampone 3 volte alla settimana, chi si vaccina invece non va più ad effettuare tamponi”. 

La criticità degli over 50 non vaccinati

Nino Cartabellotta sottolinea, infine, che “negli ultimi 2-3 giorni si sta vedendo qualche piccolissimo movimento sulle terapie intensive, ma si tratta comunque di numeri bassi che non dovrebbero creare problemi di alcun genere. Gli over 50 non vaccinati sicuramente rappresentano una criticità sul fronte dell’aumento delle ospedalizzazioni”. 

“Oggi non è possibile prevedere tempi per raggiungere un possibile target di vaccinati, perché i nuovi vaccinati non mantengono uno standard fisso nel tempo. L’elemento di imprevedibilità è rappresentato dall’incremento della circolazione del virus nella stagione invernale. Più si avanti rapidamente con le terze dosi più potremo limitare l’aumento delle ospedalizzazioni. I vaccini da soli non bastano, dobbiamo continuare ad utilizzare – conclude  -mascherine e praticare il distanziamento per evitare che accada quello che sta accadendo nel Regno Unito”.  

Fonte : Agi