Taika Waititi: ecco come Oceania ha salvato Thor: Ragnarok

Il libro The Story of Marvel Studios: The Making of the MCU è stato appena pubblicato, rivelando ai fan del famoso franchise moltissimi retroscena sulla realizzazione di pellicole di grande successo e tra questi rientra a pieno titolo anche il Thor: Ragnarok di Taika Waititi.

A quanto pare il regista voleva da tempo lavorare con Kevin Feige & Co. ma, un piccolo intoppo avrebbe potuto mettere seriamente a rischio la sua collaborazione con il MCU.

Waititi era alle Hawaii per festeggiare il suo 40esimo compleanno quando ha scoperto che il presidente della Marvel Kevin Feige, aveva un buco sulla sua agenda per avere un incontro con lui in merito al nuovo film su Thor. Il produttore Brad Winderbaum stava spingendo molto affinché Waititi dirigesse il film e ha ricordato: “Riponevo tutte le mie speranze e i miei sogni su questo incontro e speravo con tutto me stesso che andasse bene”.

Waititi ha accettato di volare a Los Angeles, ma per errore ha spedito il suo passaporto in Nuova Zelanda. Waititi allora ha chiamato Winderbaum e ha spiegato quanto era accaduto ma, il produttore non ha voluto sentire ragioni e ha perentoriamente riferito che non ci sarebbero state altre occasioni per incontrare Feige. Per fortuna però, Waititi aveva un asso della manica. Il regista aveva infatti in tasca la lettera di visto realizzata dai Walt Diseney Studios per Oceania, che gli ha permesso di volare senza alcun problema fino a Los Angeles. Il resto, come si suol dire, è storia!

Taika Waititi sta per lanciare Thor: Love and Thunder, dimostrando di aver fatto davvero tanta strada nel Marvel Cinematic Universe dopo quell’incontro quasi mancato mentre, sempre a proposito del dio del Tuono, Anthony Hopkins ha rivelato che il Thor di Kenneth Banagh lo ha convinto a non ritirarsi.

Insomma, sembra proprio che sono ancora molte le storie da ascoltare in merito a questo franchise cinematografico di grandissimo successo.

Fonte : Everyeye