Rust, la produzione chiude il set dopo la tragedia di Halyna Hutchins

La notizia arriva tutt’altro che inattesa: i lavori sul set di Rust non riprenderanno a breve, almeno non fino al momento in cui le indagini non avranno chiarito le responsabilità dell’immane tragedia che ha colpito la crew nei giorni scorsi, con la direttrice della fotografia Halyna Hutchins uccisa da un proiettile sparato da Alec Baldwin.

A comunicare la decisione è stata la produzione stessa proprio nel momento in cui alcune voci parlano di incidenti già accaduti sul set di Rust prima del dramma della scorsa settimana: la precisazione arriva quindi successivamente all’indiscrezione diffusa giovedì scorso da Deadline secondo cui il set del film sarebbe rimasto chiuso per un lasso di tempo ancora da definire.

Abbiamo preso la decisione di chiudere il set almeno fino alla conclusione delle indagini. Siamo una famiglia e abbiamo il dovere di stare l’uno accanto all’altro come accade nelle famiglie in difficoltà. Rimaniamo in stretto contatto con la famiglia di Halyna e vogliamo elogiare l’incredibile forza con cui stanno affrontando quest’immane tragedia” si legge nel comunicato diffuso dalla produzione in queste ore.

Vedremo quali saranno i tempi richiesti e, soprattutto, quale sarà la decisione della produzione una volta concluse le indagini. Nelle scorse ore, intanto, anche il regista di Rust ha commentato la tragedia che è costata la vita ad Halyna Hutchins.

Fonte : Everyeye