Spermatozoi vitali sono stati creati per la prima volta da cellule staminali di scimmia

22 Ottobre 2021

La svolta scientifica potrebbe portare a trattamenti per l’infertilità maschile: “Generati spermatozoi immaturi in grado di fecondare un uovo della stessa specie.

0 CONDIVISIONI

Un team di ricerca guidato da Charles Easley, professore associato presso il College of Public Health dell’Università della Georgia, ha ottenuto per la prima volta spermatozoi vitali da cellule staminali di scimmia (macaco rhesus), dimostrando che queste cellule possono fecondare un uovo della stessa specie. Gli scienziati erano già stati in grado di produrre cellule simili a spermatozoi utilizzando le cellule staminali di topo, ma la produzione dello sperma nei roditori è nettamente diversa da quella degli umani. “Questo è il primo passo che dimostra che questa tecnologia è potenzialmente traducibile per l’uomo – ha affermato Easley – . Abbiamo usato una specie che è più significativa per noi e stiamo avendo successo nella produzione di embrioni sani”.

I ricercatori hanno utilizzato cellule staminali embrionali di macaco rhesus per generare spermatozoi immaturi, chiamati spermatidi rotondi, che non hanno né testa né coda perché sono in una fase iniziale del loro sviluppo. Questi spermatidi hanno dimostrato di essere in grado di fecondare un uovo di macaco rhesus. “Si tratta di un importante passo verso la produzione di terapie a base di cellule staminali per trattare l’infertilità maschile nei casi in cui gli uomini non producono spermatozoi vitali” ha aggiunto Easley.

Le staminali embrionali sono cellule che possono trasformarsi in qualsiasi altro tipo di tessuto, ma diventano spermatozoi immaturi con l’aiuto di sostanze chimiche, ormoni e tessuto testicolare. Lo step successivo che i ricercatori hanno in programma è di impiantare questi embrioni in madri surrogate, per esaminare se possono produrre un feto di macaco sano. Se questo sarà confermato, il team eseguirà lo stesso processo di trasformazione cellulare in spermatozoi immaturi utilizzando cellule derivate dalla pelle di macaco. Questo perché, un’altra sfida che i ricercatori dovranno superare, è rappresentata dal fatto che nessun adulto umano ha cellule staminali embrionali.

Leggi anche

Rene di maiale trapiantato nell’uomo senza rigetto: è la prima volta nella storia della medicina

Gli scienziati pensano che la soluzione sia convertire le cellule della pelle in uno stato di cellule staminali, cosa che secondo gli studiosi, può essere eseguita in modo affidabile. “Questo è un passo significativo nello stabilire se lo sperma creato in laboratorio possa, un giorno, essere utilizzato per la riproduzione umana –  ha indicato al DailyMail Sarah Norcross, direttore dell’ente benefico per la fertilità e la genomica Progress Educational Trust che non è stato coinvolto nello studio.

“Osserveremo da vicino se ci sarà questa possibilità, mentre i ricercatori svolgeranno questo lavoro sui macachi, prima di vedere se gli ovuli fecondati con questo tipo di spermatozoi possono portare a una gravidanza, e poi vedere se è possibile ottenere una gravidanza con lo sperma derivato dalle cellule della pelle. Anche se tutte queste cose venissero raggiunte nei macachi, ci vorranno ancora molti anni e molta più ricerca prima che tali tecniche siano idonee per l’uso nei trattamenti umani”.

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage