Himalaya: Pechino e Delhi rilanciano colloqui di confine, ma armano le truppe

Stallo sul ritiro delle rispettive forze lungo la frontiera provvisoria. I cinesi posizionano nella regione lanciamissili a lunga gittata; gli indiani obici M777. India: abbiamo le capacità per fronteggiare l’esercito cinese. La Cina è meglio armata, ma i suoi soldati non sono abituati a combattere in alta montagna.

Roma (AsiaNews) – Cina e India riprenderanno entro fine mese gli incontri militari per risolvere le loro dispute territoriali sul confine himalayano. L’ultimo round negoziale si è interrotto il 10 ottobre. Il fallimento dei colloqui è dovuto al rifiuto dei cinesi di ritirarsi dall’area di Hot Springs, nel Ladakh orientale, e far rientrare le loro forze in una base permanente, come fatto dagli indiani: posizioni che le due parti hanno tenuto fino ad aprile 2020. Allo stesso tempo Pechino accusa Delhi di non voler ridurre le sue truppe sull’altipiano di Depsang.

Cina e India condividono un confine di 3.488 km nell’Himalaya, per il quale hanno combattuto un breve ma sanguinoso conflitto nel 1962. Delhi rivendica ampi settori dell’Aksai Chin (che i cinesi hanno ottenuto dal Pakistan); Pechino avanza pretese sullo Stato indiano dell’Arunachal Pradesh.

Negli ultimi 45 anni le due Forze armate si sono fronteggiate diverse volte, senza registrare vittime fino ai combattimenti di 16 mesi fa. Il 15 giugno 2020 truppe indiane e cinesi si sono affrontate nella valle di Galwan, tra il Ladakh indiano e l’Aksai Chin cinese: 20 soldati indiani sono morti; fonti non confermate all’inizio parlavano di 45 vittime fra i cinesi.

Lo stallo nei negoziati ha portato a una crescente militarizzazione del confine sino-indiano. Secondo il South China Morning Post, che cita fonti vicine all’esercito cinese, di recente Pechino ha schierato alla frontiera con l’India più di 100 sofisticati lanciamissili a lunga gittata. La mossa dell’Esercito popolare di liberazione sarebbe una risposta al dispiegamento nelle aree contese di tre reggimenti indiani armati con pezzi d’artiglieria M777.

Analisti cinesi osservano che la Cina ha un vantaggio numerico e in termini di armamento rispetto all’India. Gli indiani hanno però una maggiore esperienza nei combattimenti ad alta quota con temperature glaciali.

Il generale indiano Vinod Bhatia è convinto che l’esercito indiano abbia la forza per fronteggiare i cinesi lungo la frontiera provvisoria, soprattutto grazie alla sua abilità nel combattere in alta montagna. Il generale a riposo, ex direttore generale delle operazioni militari di Delhi, fa notare che le due parti hanno irrigidito le loro posizioni mentre si preparano a una lunga contesa, con il governo indiano che rimane fedele alla linea della “pazienza strategica” (No blinking no brinkmanship).

Secondo Bhatia, però, Cina e India non hanno interesse a drammatizzare la situazione: “Dubito – dice l’alto ufficiale indiano ad AsiaNews – ci sarà un escalation, anche se potrebbero aumentare frequenza, intensità e portata delle trasgressioni frontaliere compiute dall’esercito cinese”.

Anche per un altro generale indiano, Rajiv Narayanan, “l’India ha le capacità necessarie per opporsi alla Cina e al suo ‘burattino’ pakistano”. Secondo l’ex direttore generale aggiunto delle operazioni militari dell’esercito, nell’immediato Pechino non tenterà di inasprire la disputa, ma potrebbe farlo in primavera, dato che i soldati cinesi inviati sul confine himalayano hanno problemi ad acclimatarsi.

Fonte : Asia