Terza età, la Regione approva una legge per l’invecchiamento attivo: 1 milione e 350mila euro di investimento

Il consiglio regionale del Lazio ieri, mercoledì 20 ottobre, ha approvato una legge (la numero 232) che ha come obiettivo la valorizzazione e la promozione del ruolo della persona anziana con lo scopo di “favorire la costruzione di percorsi di autonomia e benessere nei vari contesti della vita quotidiana, superando la logica assistenzialistica schiacciata sui servizi, ancora prevalente”. 

Ad annunciarlo è la consigliera della Civica Zingaretti, Marta Bonafoni, prima firmataria della legge sottoscritta da tutte le forze politiche. “La norma si avvale di un investimento di 1 milione e 350.000 euro – fa sapere Bonafoni – nel triennio 2021/2023. All’interno dei 14 articoli che compongono la legge sono molteplici gli strumenti previsti per realizzare un cambio di passo culturale prima ancora che sociale. Oltre alla programmazione di interventi coordinati e integrati negli ambiti della promozione sociale, della salute, della formazione permanente, del volontariato, dello sport e del tempo libero, la legge dispone la promozione di protocolli con scuole, università, musei e associazioni di categoria, per garantire quello scambio intergenerazionale che può garantire ai nostri anziani l’integrazione e l’arricchimento delle comunità”.

Altra novità introdotta dalla nuova legge regionale è rappresentata dall’istituzione della Giornata regionale dell’invecchiamento attivo, che sarà celebrata ogni 22 aprile in occasione della ricorrenza della nascita del Premio Nobel Rita Levi Montalcini. 

Fonte : Roma Today