[SPOILER] Il collezionista di carte, Oscar Isaac: “volevo fare uno studio sul personaggio”

Oscar Isaac ha recentemente rilasciato un’intervista a IndieWire in cui ha parlato della realizzazione del film Il Collezionista di carte di Paul Schrader, definendo il progetto come una possibilità di sfuggire al “green screen” e paragonando il protagonista William a Moon Knight.

“Sono stato nella terra dello schermo verde per parecchi anni, e volevo disperatamente fare uno studio sul personaggio”, ha detto Isaac in una conferenza stampa al Festival del Cinema di Venezia. Quando gli è stato chiesto se sarebbe tornato a interpretare il pilota intergalattico Poe Dameron in Star Wars ha risposto: “se avessi bisogno di un’altra casa”. Queste risposte sfacciate raccontano il percorso di Issac nel mondo della recitazione e ad Hollywood. In Il collezionista di Carte Isaac fornisce una performance intensa e introversa nei panni dell’ex soldato William “Tell” Tillich.

“Il lavoro di Paul Schrader è nel mio DNA come attore”, ha detto Isaac. “È un cliché come attore americano dire che ‘Taxi Driver’ mi ha fatto innamorare dei film, ma è stato un film così rivoluzionario, ha cambiato tutto per me”.

Quando Schrader ha terminato la sceneggiatura del film, Isaac è stata la prima persona che ha contattato per interpretare William “Tell” Tillich. “Ho risposto immediatamente e ho detto: ‘Certo che ci sto’. Aspettavo quell’e-mail da un po’ di tempo.” Per quanto riguarda le esperienze specifiche di William nell’esercito, l’attore ha attinto da un’esperienza personale. Quando si è diplomato al liceo, lui e un amico hanno deciso di arruolarsi nei marines:

“Avevo fatto un giuramento ed ero pronto ad andare. Ci ero davvero preso. Ero tipo, ‘Bene, vai, allenati, prendi soldi per il college.’ Era più in quella vena, non per l’ideologia”. Mesi prima dell’arruolamento però, il suo ruolo centrale nella band The Blinking Underdogs lo ha portato in una direzione diversa.

“Mi sentivo come se potessi sempre andare all’esercito più tardi, quindi ho pensato, proviamo prima questa cosa dell’album. E questo mi ha portato su una strada diversa.” Ha lasciato il gruppo per la Julliard nel 2001.

Isaac è stato colpito duramente quanto il suo regista quando la pandemia ha costretto la produzione ad interrompere le riprese a soli cinque giorni dalla fine. “È stato un momento brutale. Era difficile capire la realtà in quel momento. Essere a pochi giorni dalla fine e non sapere – sai, Paul è là in età – quindi non sapere se avremo avuto la possibilità di tornare, è stato piuttosto devastante.”

Schrader ha rivelato di aver usato il tempo di inattività per condividere alcune modifiche con il produttore esecutivo Martin Scorsese, che ha suggerito a Schrader di migliorare la relazione tra William e La Linda.

Isaac è recentemente tornato a New York dopo otto mesi di riprese all’estero per la prossima serie Disney+ Moon Knight, dove interpreta il ruolo principale. Anche se è troppo presto per l’attore per parlarne, il personaggio di Moon Knight è coerente con le sue recenti interpretazioni, William in particolare: è un ex mercenario dei marine con un rapporto problematico con il mondo che lo circonda.

“In un certo senso, sono tutti in una crisi esistenziale”, ha detto Isaac. “C’è un vero senso della poesia in loro. Sono tutti personaggi che affrontano il dolore, la perdita, la confusione e cercano di farsi strada attraverso queste cose. Per me, è importante che si sia spazio per esplorare qualcosa di interessante in questo. È più su questo che sul fatto che il regista o il personaggio siano fantastici”.

Vi lasciamo con la nostra recensione de Il collezionista di carte, fateci sapere nei commenti se siete d’accordo con Isaac!

Fonte : Everyeye