In arrivo la serie sequel de La pazza storia del mondo di Mel Brooks

Il creatore di capolavori come Frankenstein Jr. e Balle Spaziali, oggi 95enne, torna con una serie che è il seguito del mitico film del 1981 che rivede in chiave comica gli eventi della storia dell’umanità

Forse non tutti sanno che il mitico film La pazza storia del mondo, concepito dalla mente geniale di Mel Brooks e uscito nel lontano 1981, in originale s’intitola History of the World: Part I. Come molti ricorderanno il film racconta attraverso gag bizzarre e surreali gli eventi storici dell’evoluzione del mondo dalla preistoria alla rivoluzione francese, passando per la Bibbia, l’impero romano e l’inquisizione spagnola. A discapito del titolo originale, però, non c’è mai stata una reale intenzione di farne un seguito. Almeno fino a oggi. Nelle scorse ore, infatti, è stato annunciato che lo streaming americano Hulu ha commissionato una serie che s’intitolerà appunto History of the World: Part 2 e vedrà il coinvolgimento dello stesso Brooks, oggi 95enne.

Pensata come un vero e proprio sequel della pellicola uscita 40 anni fa, la serie vedrà Mel Brooks nei panni di sceneggiatore e produttore esecutivo, il quale sarà affiancato anche da Nick Kroll, Wanda Sykes, Ike Barinholtz, David Stassen e Kevin Salter. Non ci sono ancora dettagli sulla trama né si sa quali saranno gli eventi storici che verranno coperti in questi otto episodi che saranno prodotti da Searchlight Television e 20th Television. Gli autori si riuniranno già questo ottobre per iniziare a lavorare sugli script mentre le riprese dovrebbero partire nella primavera del 2022.

Non vedo l’ora di tornare a raccontare la vera verità su tutte quelle panzane che il mondo è stato a portato a credere fossero davvero Storia!“, ha detto Brooks, una leggenda vivente della comicità, noto per capolavori come Per favore, non toccate le vecchiette, Frankenstein Jr. e Balle spaziali. La pazza storia del mondo, uscito appunto nel 1981, cementò la sua carriera d’oro che lo portò a diventare un Egot, ovvero il vincitore di diversi Emmy, Grammy, Oscar e Tony, i quattro principali riconoscimenti dell’intrattenimento americano. Nel film, oltre allo stesso Brooks in diversi ruoli, comparivano anche Dom DeLuise, Madeline Kahn, Harvey Korman, Cloris Leachman e persino Hugh Hefner. Difficile pensare che torneranno personaggi cult come Comicus o Tomás de Torquemada, ma in questi casi mai direi mai.

Fonte : Wired