Trieste: nella Grotta Gigante tutto il fascino del sottosuolo

Un sito attrezzato molto bene, da visitare nel 2021, Anno Internazionale delle Grotte e del Carsismo, promosso dall’International Union of Speleology con il supporto dell’UNESCO e coordinato in Italia dalla Società Speleologica Italiana con la collaborazione dell’AGTI e CAI, che hanno programmato econ la collaborazione dell’AGTI e CAI, che hanno programmato eventi, momenti ludici ed educativi, seminari e pubblicazioni sul tema “Esplorare, conoscere, proteggere il mondo sotterraneo”.

Visita emozionante – Nella Grotta Gigante in provincia di Trieste (Friuli Venezia Giulia), aperta al pubblico dal 1908, presenta una realtà emozionante dove si mescolano turismo, ambiente e ricerca scientifica. Qui la natura si mostra in forme e colori di rara bellezza e la scienza si nasconde sotto la superficie terrestre per studiare al meglio il nostro pianeta. La grotta è uno dei siti turistici di maggior interesse del Friuli Venezia Giulia, e attrae numerosi turisti e scienziati provenienti da tutte le parti del mondo.

Perchè “Gigante”? – Ogni anno più di 90.000 visitatori assaporano nella grotta un’esperienza unica capace di regalare ricordi indelebili. La Grotta Gigante deve il suo nome alle imponenti dimensioni della caverna; è infatti la grotta turistica con la sala più grande del mondo. La grande caverna, la sala principale della grotta, ha un volume di 365.00 metri cubi e misura 98,5 metri di altezza massima, 167,60 di lunghezza e 76,30 di larghezza.

Guide specializzate – La visita alla Grotta Gigante dura 1 ora e viene effettuata con guide specializzate che accompagnano i visitatori attraverso il percorso lungo 850 metri, scendendo 100 metri sotto la superficie terrestre. La temperatura è di +11°C costanti. È aperta tutto l’anno ed all’interno del centro visitatori si può visitare gratuitamente il Museo Scientifico Speleologico nel quale è disponibile anche una postazione per effettuare un tour virtuale della Grotta riservata sia ai diversamente abili sia a coloro che hanno difficoltà motorie. Le esperienze di visita si sono inoltre arricchite con gli aperitivi underground, in cui i visitatori possono assaggiare i tipici e squisiti vini del Carso in una cornice unica al mondo, e la torre alta 8 metri dove sperimentare le prime tecniche di arrampicata sportiva. 

Per maggiori informazioni: www.ssi.speleo.it
 

Fonte : TgCom