Fermo, cade dalla scala nel cantiere della ricostruzione post terremoto: muore operaio di 56 anni

26 Settembre 2021

Luigi Fares, un operaio edile di 56 anni originario di Monsampolo del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, è morto nel pomeriggio di venerdì mentre stava lavorando alla ristrutturazione di una casa di Montefortino, comune dei Monto Sibillini duramente colpito dagli eventi sismici del 2016. L’uomo è caduto da una scala. Inutili i soccorsi.

2 CONDIVISIONI

Luigi Fares, un operaio edile di 56 anni originario di Monsampolo del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, è morto nel pomeriggio di venerdì mentre stava lavorando alla ristrutturazione di una casa di Montefortino, comune dei Monto Sibillini duramente colpito dagli eventi sismici del 2016: il 56enne stava svolgendo degli interventi su una scala a circa tre metri di altezza quando, per cause ancora in corso di accertamento, ha perso l’equilibrio ed è caduto sbattendo violentemente la testa al suolo. La tragedia si è consumata intorno alle 16,  poco prima della fine del turno.

L’incidente ha subito richiamato l’attenzione dei colleghi di Fares, che hanno lanciato l’allarme: sul posto sono accorsi rapidamente i sanitari del 118 della Potes di Amandola, i volontari della Croce Rossa di Comunanza, i carabinieri della Stazione di Amandola e i colleghi del nucleo radiomobile di Montegiorgio, oltre ai tecnici dello Spsal (Servizio prevenzione e sicurezza ambiti di lavoro) dell’Area Vasta 4 di Fermo. I medici, vista la gravità della situazione, hanno allertato l’eliambulanza che è giunta sul posto in pochi minuti: l’operaio tuttavia è morto prima ancora di essere caricato a bordo e trasportato all’ospedale Torrette di Ancona.

Fillea Cgil, Feneal-Uil e Filca-Cisl hanno commentato: “Esprimiamo cordoglio sincero verso la famiglia del lavoratore che ha perso la vita. Non ci abitueremo mai ad accostare un infortunio mortale al lavoro, che è strumento di autonomia, emancipazione, costruzione di una vita piena all’interno della comunità. Non è possibile per noi dover alzare l’attenzione sulla sicurezza solo in occasioni del genere. Si tratta di un tema che dovrebbe essere prioritario per tutti: committenze pubbliche e private, istituzioni, imprese e lavoratori, soprattutto in un settore come quello dell’edilizia in cui il rischio è sempre così alto. Il settore edilizio sta vivendo un forte slancio, con lo stesso slancio si deve affrontare seriamente il tema della sicurezza e della prevenzione deve essere prioritario per tutti gli attori coinvolti -spiegano-. Da anni chiediamo la patente a punti per la qualificazione delle imprese, l’applicazione corretta della contrattazione nazionale e territoriale ed una sempre maggiore collaborazione con gli enti bilaterali di settore a cui viene riconosciuto anche dagli operatori di vigilanza l’importante impegno sul fronte formazione e sorveglianza tecnica in cantiere”.

2 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage