Daniel Maldini, in gol al debutto da titolare: un destino scritto nel cognome

Subito in gol, alla prima da titolare. Una favola che sembrava già scritta nel destino, quella di Daniel Maldini. E d’altra parte, con un cognome così sulle spalle, quella del classe 2001 con il Milan non poteva essere una storia qualunque. Figlio di Paolo, presente in tribuna, e nipote di Cesare, bandiere rossonere che hanno scritto la storia del club per decenni, Daniel ha ripagato la fiducia concessagli dal tecnico Stefano Pioli con un gol di testa che ha sbloccato la partita sul campo dello Spezia, poi vinta dal Milan per 2-1 nel pomeriggio di oggi, sabato 25 settembre. Ma per il giovane Maldini non si tratta della prima volta.

Daniel Maldini, l’ultimo erede di una dinastia che ha fatto la storia rossonera

Sì, perché Daniel aveva già provato l’ebbrezza del gol con la maglia rossonera il 20 dicembre 2020, quando andò in rete nella partita di Europa League contro lo Sparta Praga. Ma allora la gara non valeva molto, con i rossoneri già certi del passaggio del turno ed il tecnico Stefano Pioli che si era affidato ad un robusto turnover per far rifiatare gran parte dei titolari. Quello di oggi, invece, è un gol che ha un peso specifico enormemente diverso, che permette al Milan di conquistare altri tre preziosissimi punti nella corsa scudetto. E chissà che i rossoneri, con Daniel in campo, non tornino a quei fasti vissuti un tempo quando a calcare il prato di San Siro c’erano papà Paolo e nonno Cesare.

Fonte : Today