Dicevano: “Il vaccino è una violazione dei diritti umani”. Moglie e marito muoiono di Covid

Coronavirus

21 Settembre 2021

Dusty e Tristan Graham, moglie e marito convintamente no vax, sono morti a causa delle complicanze legate al Covid-19: i due hanno perso la vita a tre settimane di distanza uno dall’altro in Alabama, uno degli Stati che stanno procedendo più a rilento nella campagna vaccinale.

0 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Coronavirus
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

Dusty e Tristan Graham, moglie e marito convintamente no vax, sono morti a causa delle complicanze legate al Covid-19: i due hanno perso la vita a tre settimane di distanza uno dall’altro in Alabama, uno degli Stati che stanno procedendo più a rilento nella campagna vaccinale a causa delle “resistenze” di ampie fette della popolazione. I due coniugi erano fortemente contrari all’immunizzazione e non perdevano l’occasione per ribadirlo: gestivano infatti un popolare canale YouTube dove – in numerose dirette – avevano affermato che la somministrazione del vaccino rappresenta “un attacco ai diritti umani”. Marito e moglie avevano ripetutamente garantito che non avrebbero ricevuto neppure la prima dose nella convinzione che il Covid non fosse una malattia pericolosa.

Purtroppo però le loro ostinate convinzioni si sono scontrate con una realtà ben diversa; i due hanno contratto il virus, Tristan è deceduta circa un mese fa e  tre settimane dopo è venuto a mancare anche il marito Dusty. “Sfortunatamente sono entrambi morti”, ha scritto la figlia della coppia, Windsor Graham, sulla piattaforma GoFundme, dove il padre aveva lanciato una raccolta fondi per chiedere aiuto, viste le importanti spese mediche. “Grazie per tutte le belle parole e per averci aiutato in questo momento difficile – ha scritto la figlia della coppia sulla piattaforma di crowdfunding nell’annunciare la morte di entrambi i genitori -. Useremo il denaro per pagare i funerali”.

Negli Stati Uniti i contagi sono tornati ad aumentare nelle ultime settimane a causa della diffusione della variante delta, che potrebbe aver raggiunto il picco in questi giorni: la media settimanale dei morti è di 1.900 al giorno per un totale di oltre 675mila vittime, più di quelle causate un secolo fa dall’epidemia di influenza “Spagnola”.

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage