Assicurazione auto, on line o tradizionale: quale conviene e a cosa fare attenzione

Con l’assicurazione auto non si scherza. Non ci sono solo le multe, per quanto salate, che dovrebbero mettere sul chi va là gli automobilisti, ma anche e soprattutto il rischio di trovarsi scoperti in caso di furti o incidenti. Le truffe delle false polizze sono all’ordine del giorno per cui quando si sottoscrive un’assicurazione on line è meglio tenere gli occhi aperti. Senza per questo farsi prendere dal panico: molto spesso per tenersi lontani dai raggiri basta usare un po’ di accortezza e non agire d’impulso badando esclusivamente al prezzo.

Di solito, infatti, tutto inizia con un’offerta allettante a cui è difficile dire di no, per poi ritrovarsi a fare l’amara scoperta di non aver stipulato nessuna copertura assicurativa.

A scanso di equivoci va detto che l’assicurazione online offre gli stessi servizi e la stessa affidabilità di quella tradizionale. A patto, ovviamente, di rivolgersi a una compagnia seria. Il risparmio (che può essere più o meno importante) è dovuto banalmente al fatto che le assicurazioni on line, non disponendo di sedi fisiche, riescono ad ammortizzare meglio i costi. Il contro è non poter avere un confronto vis-à-vis con il nostro agente. Il pro, lo abbiamo già detto, è quello di pagare generalmente un prezzo inferiore a parità di polizza.

Rc auto: “Il prezzo non può essere l’unica discriminante, attenti alla trasparenza”

A cosa deve stare attento dunque chi si appresta a cambiare compagnia? “Il mercato delle assicurazioni” spiega a Today Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, “offre ormai una varietà di opzioni per tutte le esigenze e grazie all’abolizione del tacito rinnovo avvenuta qualche anno fa è diventato anche più facile cambiare compagnia senza lunghe trafile. Il digitale ha fatto il resto semplificando la vita ai consumatori che possono ormai confrontare le offerte comodamente dal proprio pc”. 

Il prezzo però, avverte Dona, “non può essere l’unica discriminante nella scelta dell’assicurazione” ma attenzione anche “alla trasparenza delle informazioni sui siti delle compagnie e anche alla disponibilità del servizio clienti”. L’Unc ha messo nero su bianco alcuni consigli per orientare i consumatori e aiutarli a scegliere la migliore assicurazione online:

  • Non fermarsi al primo preventivo, ma anzi utilizzare i comparatori online per confrontare le offerte. Non c’è un’assicurazione migliore di un’altra, ma solo quella più adatta alle proprie esigenze.  
  • Attenzione alle clausole. Quando si compila un preventivo online è bene verificare che non siano già flaggate alcune opzioni che fanno lievitare i costi con dei servizi di cui non avremmo bisogno. 
  • Assicurare più veicoli con la stessa compagnia. Spesso le assicurazioni fanno dei pacchetti convenienti premiando la fedeltà dei consumatori.  
  • Se possibile, scegliete di pagare annualmente e non rateizzando: è molto più vantaggioso dal punto di vista economico. 
  • Attenzione alle truffe! Può capitare purtroppo che attratti da un prezzo apparentemente vantaggioso si stipuli un’assicurazione con compagnie che poi si rilevano inesistenti. Il pagamento dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate, ad esempio è irregolare: occhio quindi alle modalità di pagamento.   

Come difendersi dalle truffe e informarsi sulle compagnie assicurative

Le truffe, lo dicevamo, non sono così sporadiche, ma per difendersi spesso basta poco. L’ultima è stata segnalata solo pochi giorni fa nel Trapanese dove due persone, un ragazzo di 19 anni di Pordenone e una donna moldava di 46 anni, sono state denunciate per aver  stipulato un contratto assicurativo falso per un ciclomotore, incassando la somma di 210 euro tramite una carta prepagata.Il falso contratto era stato stipulato con una sedicente compagnia assicurativa pubblicizzata su un noto motore di ricerca.

L’Ivass (istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) segnala costantemente i siti che vendono assicurazioni irregolari (l’ultimo bollettino è del 6 settembre, lo trovate qui).

Per verificare se una compagnia è meritevole o meno della nostra fiducia, un metodo efficace è quello di andare sul sito dell’Ivass e controllare che l’azienda sia inserita nell’elenco delle compagnie autorizzate ad operare in Italia. Anche nel caso in cui a proporci la polizza è un intermediario è possibile verificare il numero di iscrizione nel Registro Unico degli Intermediari.

Insomma, fare un controllo in più non è mai una cattiva idea, specie se ci affidiamo a compagnie non troppo note su cui non riusciamo a reperire informazioni. L’Ivass mette a disposizione anche un numero verde (800-486661) attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 14.30 per orientare i consumatori nella scelta e metterli al riparo da brutte sorprese. 

Fonte : Today