Covid, la Cina ha sospeso il rilascio dei passaporti ordinari

A fronte della nuova ondata di contagi da Covid-19, la Cina ha deciso di sospendere temporaneamente il rilascio di passaporti ordinari e altri documenti di ingresso e uscita dal Paese. Lo ha annunciato Liu Haitao, il direttore del dipartimento per l’ispezione e la gestione delle frontiere dell’Amministrazione Nazionale per l’immigrazione. “Per il momento non verranno rilasciati documenti di ingresso e uscita come i passaporti ordinari per i casi non essenziali e non di emergenza”, ha spiegato.

La nuova ondata di contagi di coronavirus in Cina

Variante Delta, lockdown e restrizioni: la situazione nel mondo

Ieri, martedì 3 agosto, la Cina ha segnalato 96 casi di Covid-19, di cui 71 da trasmissione interna, il numero giornaliero più alto da gennaio. Complessivamente, nell’ultimo periodo sono stati registrati 300 positività in più di 20 città, dovute soprattutto alla circolazione della variante Delta. La Commissione sanitaria nazionale ha dichiarato che nel Paese si contano 144 aree a medio e alto rischio, il numero più alto dall’inizio della pandemia. 

La situazione a Wuhan

Anche a Wuhan si sono verificati alcuni casi, a più di un anno di distanza dalle ultime positività. Per affrontare la situazione, le autorità del capoluogo dell’Hubei hanno annunciato che saranno eseguiti dei tamponi su tutti i residenti della città (che conta circa 11 milioni di abitanti). Si tratta di un’operazione simile a quella svolta nel 2020 dopo la fine del

Per correre ai ripari nei confronti del focolaio, il primo da molti mesi, la Cina ha confinato nelle proprie case i residenti di intere città, tagliato i collegamenti di trasporto nazionali e lanciato test di massa. Inoltre, a Wuhan è stata messa in lockdown l’area di Zhuankou Street, situata nella zona dello sviluppo economico.

Fonte : Sky Tg24