La Svizzera più bella in 5 itinerari a piedi

Laghi color verde smeraldo, bucoliche catene collinari o passi dai grandiosi panorami: ciò che si scopre a piedi rimane impresso nella memoria. La grande varietà di paesaggi non lascia spazio alla noia per chi intraprende escursioni a tappe in Svizzera. Da vette innevate a passeggiate in riva a laghi dal sapore mediterraneo, dai centri urbani a valli montane trasognate. Questo e molto altro si può scoprire in appena qualche giorno camminando attraverso la Svizzera. 

Dedicato a Guglielmo Tell – La nuova escursione a tappe «Tell Trail» parte da Altdorf e giunge al Brienzer Rothorn dopo aver attraversato la pittoresca regione del Lago di Lucerna. Durante otto tappe si incontrano laghi montani scintillanti, villaggi ricchi di storia e città di fama mondiale, oltre alle «Big 6» delle montagne della Svizzera centrale: Fronalpstock (Stoos), Rigi, Pilatus, Stanserhorn, Titlis e Brienzer Rothorn. La varietà di flora e fauna e lo spettacolare panorama montano ti accompagneranno lungo tutto il tragitto. La tappa 5 da Stans a Engelberg è particolarmente suggestiva. 

La  Via Engiadina – Il sentiero in quota «Via Engiadina» percorre l’Alta Engadina da Maloja a Zernez attraversando paesini idillici con le tipiche case engadinesi e centenari boschi di pino cembro. Il legno di cembro diffonde nell’ambiente un profumo aromatico e ha un effetto rilassante. Suddiviso in cinque tappe, attraversa Silvaplana, Celerina, Bever e Zuoz e poi giunge a Zernez (punto da cui prosegue verso la Bassa Engadina per raggiungere Vinadi). Il percorso invita a pernottare e a rifocillarsi nelle tradizionali «Stüvas». 

La Via Francigena –  La Via Francigena è la più importante strada di pellegrinaggio europea dal Medioevo. In Svizzera, essa si snoda attraverso splendidi paesaggi del Giura e delle Alpi; straordinaria è soprattutto la tappa sul Gran San Bernardo. Nel 990 Sigerico, arcivescovo di Canterbury, fece ritorno in Inghilterra da Roma e documentò le tappe del suo viaggio lungo la strada già nota ai Romani. Il suo itinerario è oggi la descrizione più antica della Via Francigena. Dopo la caduta dell’Impero Romano, la Via Francigena rimase una delle vie di collegamento più importanti. Dal 1300, essa è la principale strada di pellegrinaggio europea che attraversa la Svizzera passando per il Giura e le Alpi. Il sentiero da Sainte-Croix a Vuiteboeuf costeggia i tratti solcati dalle ruote dei carri, peculiari della Svizzera, per poi seguire la placida Venoge fino al Lago di Ginevra.Da Losanna, la Via Francigena si snoda attraverso i vigneti di Lavaux fino all’ansa del Rodano. Dall’antica città di Octodurus, il sentiero serpeggia attraverso la strettoia formata dalla selvaggia Dranse fino al versante settentrionale del Passo del Gran San Bernardo. Nella Val d’Entremont, il sentiero è punteggiato da borghi medievali e culmina nella famosa Combe des Morts. 

Il Sentiero in cresta del Giura – Il Sentiero in cresta del Giura è la più leggera tra le escursioni a tappe della Svizzera. Unisce Zurigo al Lago Ginevra descrivendo un ampio arco. Il più antico sentiero a lunga percorrenza della Svizzera conduce in 16 giorni attraverso lo straordinario paesaggio del Giura, che affascina con la sua austerità e con i suoi spazi immensi. Oltre che per i luoghi straordinari, come l’anfiteatro roccioso Creux du Van, il Giura entusiasma anche grazie alla fantastica veduta a perdita d’occhio sulle Alpi e alla tradizionale ospitalità che si incontra lungo il cammino. L’itinerario ha un fascino tutto particolare, in ogni punto lo si può abbracciare con lo sguardo. L’attrattiva prevalente è il panorama sulle Alpi, sulla Foresta Nera e sui Vosgi. Lungo il sentiero si incontrano rocce scoscese e profonde grotte, sorgenti di fiumi e laghi senza emissari di superficie, boschi silenziosi e vasti pascoli; animali selvatici o fiori. Il sentiero ha sicuramente elementi che ritornano come una costante, ma non mancano neanche caratteristiche peculiari delle singole regioni, come le diverse forme di abitazioni e insediamenti regionali o una cucina che offre sapori sempre nuovi. Alla degustazione delle specialità locali si prestano le tante locande di montagna e le tipiche «maiteries». 

Il Sentiero dei Passi Alpini – Il Sentiero dei passi alpini riunisce in un unico percorso molti dei valichi tra i più belli e più suggestivi delle Alpi grigionesi e delle Alpi vallesane. Il risultato è un’escursione alpina entusiasmante e impegnativa suddivisa in 34 tappe. Si va da un punto d’attrazione all’altro, dall’Altopiano della Greina ai paesaggi montani e lacustri ai piedi dei Dents du Midi.Il Sentiero dei passi alpini è la più selvaggia e impegnativa tra le escursioni a tappe in Svizzera. Servono ben 34 giorni per effettuare l’escursione da Coira, attraverso le Alpi meridionali, fino al Lago di Ginevra. Lungo tale percorso si valicano 32 passi su spettacolari sentieri di montagna. Chi ha un debole per i paesaggi montani incontaminati, per le valli solitarie, per uno scenario di vette superiori ai 4000 metri e per i tranquilli pernottamenti nei rifugi, col Sentiero dei passi alpini sarà pienamente soddisfatto. Le escursioni sui passi sono una disciplina a sé stante, con un suo pubblico particolare. Non sono fatte per chi va in montagna per vedere il mondo dall’alto delle cime e nemmeno per chi vuole poter dire di aver scalato una montagna. Gli itinerari sui passi, sulle Furggel o sulle Bocchette sono per chi è spinto dalla curiosità di vedere cosa c’è dall’altra parte, poiché ogni passo cela qualcosa di ignoto sull’altro versante. Le indicazioni sulla cartina non bastano; in ogni valle l’escursionista vuole scoprire un nuovo mondo, lasciandosi alle spalle quello precedente.

Per maggiori informazioni: www.schweizmobil.ch

Fonte : TgCom